Oltre il Colle – Dalla prossima estate il parcheggio ai piedi del sarà a pagamento. Lo ha deciso la Giunta comunale di Oltre il Colle con l’obiettivo di regolamentare e ordinare la sosta delle auto, evitare parcheggi selvaggi lungo la nuova e ridurre l’inquinamento. L’area, oggi non ancora dotata di segnaletica orizzontale, si trova a quota 1.600 metri, a conclusione dei circa tre chilometri di asfaltata, realizzata nel 2010, che parte dalla località Plassa di Zambla Alta (nella zona del camping e dei condomini) e arriva, dopo alcuni tornanti, nei pressi del rifugio Saba. È la stessa , carrozzabile, peraltro oggetto di qualche polemica al momento della realizzazione per il suo presunto impatto, che consente l’accesso dalla «Cattedrale vegetale», opera di architettura naturale avviata alcuni anni fa. Grattini o personale? Dal parcheggio (a piedi lo si raggiunge in 45 minuti, un’ora circa), si staccano poi i che conducono ad alcune delle mete più belle e frequentate delle Orobie: il rifugio Capanna 2000, il pizzo Arera, il Sentiero dei fiori e delle farfalle, il passo e il lago Branchino, fino alla Conca di Mezzeno in territorio di Roncobello.


E poi la di Valmora, il Cimetto o la di . Si pagherà un euro per ogni ora di sosta, tre per la mezza giornata (dalle 8 alle 13 o dalle 13 alle 20), cinque per tutta la giornata (dalle 8 alle 20). Ci saranno poi abbonamenti, per il momento fissati a 50 euro per i non residenti (quota, quest’ultima, che già ha suscitato qualche malumore tra alcuni villeggianti) e a 20 per i residenti a Oltre il Colle. Sono previste multe per chi parcheggerà fuori dagli spazi e lungo la strada. Il parcheggio al completo dovrebbe essere segnalato alla Plassa, con un cartello luminoso. Ancora da definire, invece, le modalità di pagamento: si pensa ai ticket- «grattini», da acquistare nei negozi del paese (dove occorre grattare, appunto, data e ora di inizio parcheggio) oppure tramite personale sul posto. «Parcheggio mal sfruttato» «Ogni anno, tra maggio e ottobre spiega il sindaco, il senatore Valerio Carrara – si stima che siano circa 50 mila le che raggiungano quella zona, per poi proseguire verso l’Arera, il Sentiero dei fiori o le altre mete escursionistiche. Spesso assistiamo a una sosta selvaggia lungo la nuova strada e il parcheggio finale a 1.600 metri è mal sfruttato, indicativamente solo per metà, non essendo ancora provvisto di segnaletica. Grazie alla regolamentazione prevediamo di ricavare circa 500 posti, realizzando anche un accesso per la parte alta». «L’intento non è quello di fare cassa – prosegue il sindaco – ma di disciplinare una strada e un parcheggio che in estate spesso sono nel caos. I soldi raccolti, poi, serviranno per la manutenzione del tracciato. Per quanto riguarda le modalità di pagamento dobbiamo ancora decidere, così come le tariffe sono indicative e potranno essere modificate da qui a giugno, mese in cui pensiamo possa entrare in vigore il provvedimento. Difficilmente installeremo un parchimetro, essendo facile preda dei vandali. Stiamo pensando a voucher da grattare oppure a un controllo diretto da parte di personale autorizzato. Modalità che consentirebbe di dare lavoro a qualcuno».

LE TARIFFE 1 euro 3 euro 5 euro 50 euro 20 euro per la prima ora e successive per la mezza giornata per l’intera giornata mensile mensile per residenti Plassa Cima di Grem 2049 Il Cimetto 1985 Pizzo Arera 2512 Sentiero dei Fiori Rifugio Capanna 2000 Passo di Valmora 2198 Rifugio 2002 Rifugio Saba 1560 Cima di Menna 2300 Il Pizzo 2274 Passo Val Vedra 1860 Passo Branchino 1821 Zorzone Zambla Bassa Oltre il Colle Zambla Alta sentieri strade nuova strada Il precedente a Roncobello A Pedaggio per Mezzeno Il via forse già da maggio A Se al parcheggio ai piedi del pizzo Arera il ticket arriverà dalla prossima estate, l’ecopass è invece già stato sperimentato la scorsa stagione a Roncobello, per i sei chilometri di strada asfaltata che da Capovalle conducono alla Conca di Mezzeno, a quota 1.600 metri (da qui partono poi i sentieri per i , i Tre Pizzi, il passo e il lago Branchino, quindi anche l’Arera). Nei tre mesi di istituzione del pedaggio, da luglio a settembre, sono stati raccolti circa 13 mila euro (gra- zie a 6.000 biglietti), più i soldi da una cinquantina di multe per chi è stato trovato senza ticket. Qui il biglietto si ritira dal parchimetro a inizio della strada, diversamente da Oltre il Colle dove si pagherà tramite voucher (ritirabile nei negozi) o direttamente al custode del parcheggio. E a Roncobello le tariffe sono differenti, ovvero più basse rispetto a quelle previste per l’Arera: si paga due euro per il giornaliero, cinque per il settimanale, 15 euro per il mensile e 30 per tutta la stagione. Se Oltre il Colle col parcheggio a pagamento vuole contrastare soste selvagge (tanto che a posti auto completi non si potrà più parcheggiare), l’obiettivo del Comune di Roncobello è invece soprattutto quello di raccogliere fondi per la manutenzione della strada, lunga sei chilometri e utilizzata ogni estate da migliaia di escursionisti provenienti da tutta la provincia e fuori. «La sperimentazione della scorsa stagione è andata bene – spiega il sindaco Andrea –. A parte qualche lamentela a inizio estate, poi il ticket è stato accettato senza particolari proteste. Due euro non sono tanti, soprattutto se poi i fondi raccolti serviranno per tenere in sicurezza la strada. Per la prossima stagione pensiamo di istituire il pedaggio durante tutto il periodo di apertura della strada (che dipende dalle condizioni meteo, di neve e ghiaccio, ndr), quindi, presumibilmente da maggio a ottobre». «Nessun parchimetro meglio un controllo diretto.

L’Eco di – Giovsanni Ghisalberti

http://forum.valbrembanaweb.com/viabilita-valle-brembana-f89/strada-plassa-per-arera-pagamento-t7025.html