Da Arlecchino ai Tasso, S.Giovanni, Camerata e Dossena si alleano

Camerata Cornello, Dossena, San Giovanni Bianco Non commentato »

Valle Brembana – L’unione fa la forza. Soprattutto in tempi di crisi. Perché il patrimonio culturale è enorme: bastino i nomi di Arlecchino e della famiglia dei Tasso, ma le risorse per «vendere» questi tesori, pochi. Così San Giovanni Bianco, per tradizione patria di Arlecchino, Camerata Cornello, culla d’origine del casato dei Tasso, e Dossena, luogo di miniere e di antiche maschere, hanno deciso di allearsi. Sabato alle 10, nella sala polivalente (scuola media) di San Giovanni Bianco i sindaci presenteranno il polo culturale «Mercatorum e Priula. Vie di migranti, artisti, dei Tasso e di Arlecchino». Uniti dalle strade A unire le tre realtà due strade, la Via mercatorum, antica mulattieradei mercanti, e la Priula, carrozzabile verso l’Europa.

CONTINUA ARTICOLO »

Cornello, dal Penny alla conquista d’Europa

Camerata Cornello Non commentato »

Camerata Cornello – Si parte dal Penny Black, il primo francobollo emesso nella storia, per attraversare tutta l’Europa. Passando, ovviamente, per Camerata Cornello. Perché quando si parla di sistema postale la tappa nel paese della Valle Brembana è obbligata. Nella frazione di Cornello (oggi ribattezzata Cornello dei Tasso) nacque la corrispondenza postale per merito, per l’appunto, della famiglia Tasso, originaria del borgo, conosciuta dai più per aver dato i natali a Torquato Tasso, autore della «Gerusalemme liberata ». Così, per la trentunesima edizione delle «Giornate europee per il Patrimonio», in programma questo weekend, anche Camerata è coinvolta nel progetto. Le iniziative si concentreranno domani, sabato 20 settembre. L’inizio ufficiale della serata è previsto alle 17,30 con la possibilità di partecipare – su prenotazione – alla visita guidata alla chiesa di San Ludovico di Tolosa.

CONTINUA ARTICOLO »

Sul Venturosa festa dei monti e ricordo del 60° della croce

Camerata Cornello Non commentato »

Venturosa-P1090950Camerata Cornello – Si svolge domenica, sul monte Venturosa, sopra Camerata Cornello e San Giovanni Bianco, la «Festa della montagna», iniziata nell’estate del 1950. Quest’anno si celebrerà anche il 60° della posa della croce in ferro. Sarà un’occasione speciale, perché verrà chiesto a tutti i partecipanti di dare un contributo alla ricostruzione degli avvenimenti che si sono susseguiti dall’idea di realizzare la croce (era il 1949), alla posa della prima croce in legno (1950), all’attuale croce in ferro. È la storia della collaborazione di tante persone: gli alpini in primis, le istituzioni, i fratelli Cima dell’ex cartiera (da poco giunti in valle), ma anche tanta gente comune che ha messo a disposizione tempo, fatica e cibo. «È la storia dei nostri emigranti, che da lontano seguivano le fasi di realizzazione del monumento – spiegano gli organizzatori –. È la storia di una comunità guidata dalla fede». In questi anni Alberto Regazzoni e la moglie Alessandra Sonzogni hanno raccolto documenti storici, testimonianze e fotografie sulla croce.

CONTINUA ARTICOLO »

Monte Venturosa: 60° anniversario della croce in ferro

Camerata Cornello Non commentato »

Venturosa-P1090950Camerata Cornello – Durante la tradizionale Festa della Montagna (20 luglio 2014) verrà celebrato il 60° anniversario della croce in ferro eretta nel 1954. Alberto Regazzoni negli ultimi anni ha reperito materiale fotografico e documenti che raccontano la genesi dell’idea e le varie fasi della realizzazione della croce, tutti i documenti e le foto sono state raccolte in un libro ‘bozza’ al quale tutti i partecipanti alla Festa saranno invitati a contribuire identificando i personaggi che compaiono nelle foto e condividendo racconti o informazioni che possono aiutare a raccontare ancora meglio la storia della croce e delle feste tradizionali.

CONTINUA ARTICOLO »