Dat Valli in F@miglia, formazione per imprese e cittadini

Zogno Non commentato »

FormazioneZogno – In un mercato sempre più competitivo ed in continuo mutamento, dove le nuove tecnologie fanno da padrone, a volte ci si promuove poco e male. Proprio per questo le imprese oggi per sviluppare il loro business nell’ottica di una piena e soddisfacente risposta alle esigenze dei propri clienti, hanno la necessità di investire in formazione, per continuare a generare crescita e sviluppo. Nasce seguendo proprio questa filosofia la proposta formativa del Distretto delle Attrattività Territoriali «Valli in F@amiglia», che proporrà a breve percorsi di formazione riservati alle attività produttive locali che operano nei settori del commercio e del turismo, oltre che ai residenti dei comuni del Dat (Zogno, Valbrembilla, Sedrina, Valtaleggio, Ubiale Clanezzo, Vedeseta, Blello, Moggio, Cassina, Cremeno, Pasturo). Si tratta di ben 80 ore di formazione completamente gratuita ed improntata su più temi: dal web marketing per la promozione del turismo all’accoglienza e alla comunicazione orientata al cliente, passando per le opportunità finanziarie e di accesso al credito fino all’inglese per il turismo. «Ampliare la propria conoscenza del web per chi opera nel settore del turismo è oggi più che una necessità – ha spiegato Giampaolo Pesenti, assessore delegato al Commercio e Turismo del Comune di Zogno-.

CONTINUA ARTICOLO »

Le moto d’epoca in tour da Zogno a Vedeseta

Zogno Non commentato »

!cid_ii_14da00f75d37bc0bZogno – Non correranno mai quanto Giacomo Agostini, Valentino Rossi o Mick Doohan ma vederli sfrecciare per le strade della Val Brembana regalerà sicuramente più di qualche emozione. A chi li guarda ma anche a chi le guida. Parliamo delle motociclette d’epoca, vere e proprie opere d’arte su due ruote, secondo alcuni eleganti e un pò snob. L’appuntamento con la 9° edizione del «Raduno Moto D’Epoca», organizzato dal «Moto Club Prealpi Orobiche» con il patrocinio del Comune di Zogno, Vedeseta e dell’Assessorato al Turismo della Comunità montana, è fissato per il prossimo 21 giugno. Come ogni anno il ritrovo sarà alle ore 8. 30, presso l’area mercato del capoluogo brembano; a cui seguirà la consueta colazione di benvenuto al Cafè Roma.

CONTINUA ARTICOLO »

Valle Brembana, la popolazione al minimo storico

-La Valle Brembana Non commentato »

Valle Brembana – Mai così pochi. La Valle Brembana, alla fine del 2013, contava 42.920 residenti. La popolazione, per la prima volta, è scesa sotto la soglia dei 43 mila, cifra sopra la quale si è sempre attestata negli ultimi 15 anni, visto che ancora nel 1999 si contavano in valle 43.541 abitanti, con andamento altalenante negli anni successivi. Salvo, quindi, alcune annate in cui si è registrata una leggera inversione di tendenza, il trend demografico brembano continua inesorabilmente a essere di segno negativo. «È tutta la montagna che si spopola e non solo la Val Brembana», si dirà. Eppure nella vicina Valle Imagna la tendenza è contraria, ovvero negli ultimi anni si è assistito a un aumento, con la popolazione che ha superato i 30 mila residenti.

CONTINUA ARTICOLO »

Expo: Guglielmo e Ferdy eccellenze per la Lombardia

-La Valle Brembana Non commentato »

Valle Brembana – Uno, Guglielmo Locatelli, 83 anni proprio oggi, di Vedeseta, è un maestro-mito tra i casari, ed è il neo padre dello Strachitunt, il formaggio della Val Taleggio recentemente diventato dop; l’altro, Ferdy Quarteroni 51 anni, di Lenna, partito da una stalla, ha realizzato l’azienda agrituristica oggi più conosciuta in Lombardia, esempio di multifunzionalità e sostenibilità ambientale senza compromessi. Ormai due «mostri sacri» dell’agroalimentare lombardo: tanto da essere scelti, unici in Bergamasca, da Regione Lombardia ed Expo nella top ten delle eccellenze. Il premio – sarà consegnato il 9 maggio a Milano con una cerimonia ufficiale – si chiama «R-innovatori della Terra», ed è alla sua prima edizione, proprio in occasione di Expo, l’esposizione universale di Milano del 2015, dedicata all’alimentazione. Una vita, la loro, intensamente legata alla terra, che sono stati capaci di rinnovare e innovare. Nei giorni scorsi Matteo Mauri, responsabile delle relazioni istituzionali per Expo in Lombardia, ha visitato e comunicato il premio alle aziende di Locatelli, a Reggetto di Vedeseta, e a Quarteroni, all’agriturismo a Lenna. «Con Locatelli premiamo sicuramente il personaggio – dice Mauri – ma anche il prodotto e la sua storia. Ha saputo salvare un formaggio, lo Strachitunt, che da poco ha ottenuto anche il riconoscimento dop». Ottantatré anni, fin da quando era bambino Locatelli produce le migliori forme di Strachitunt all’alpeggio alla Sella e ai Piani di Artavaggio, sopra Avolasio di Vedeseta.

CONTINUA ARTICOLO »