Poco lavoro e emigrazione Val Brembana

-La Valle Brembana Non commentato »

Valle Brembana – Un confronto sistematico fra il mondo imprenditoriale e quello amministrativo e più speranza nel cuore dei giovani della Valle Brembana. Questi gli obiettivi di cui si discuterà al convegno «Politiche del territorio e presenza delle imprese. Quali prospettive per la Valle Brembana?», che si terrà sabato 28 maggio, alle 9 al cinema parrocchiale di via Tasso, a Piazza Brembana. L’incontro, organizzato dall’Osservatorio della Valle Brembana sul Lavoro, dalla Comunità Montana e supportato dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale Sociale, si interrogherà sulle potenzialità intrinseche della Valle Brembana e, in particolar modo, sulle reali possibilità di rilancio economico e sociale. Spiega, a tal proposito, Geremia Arizzi, sindaco di Piazza Brembana: «Questo convegno pone una riflessione importante sulla tematica del lavoro, ma, anche, sul problema delle nascite, ogni giorno più rare in Valle Brembana; la popolazione diventa sempre più vecchia, mentre i nostri ragazzi, soprattutto per motivi di lavoro, emigrano. Ma ciò non ci deve scoraggiare, dobbiamo essere fiduciosi». Una situazione negativa che, anche grazie a questo appuntamento, ci si augura di poter affrontare seriamente.

CONTINUA ARTICOLO »

La mela ha una nuova casa a Moio de’ Calvi

Moio de Calvi Non commentato »

Moio de’ Calvi – Un centro di gravità permanente, riferimento prezioso per un’attività sempre più articolata. È in programma sabato, a Moio de’ Calvi, l’inaugurazione della nuova sede dell’Associazione frutticoltori agricoltori Valle Brembana (Afavb) nata nel 2007, ma attiva già negli Anni ’90. La nuova casa della Mela Val Brembana è stata realizzata al piano terra dell’ex asilo don Ambrogio Calvi, in piazza IV Novembre. L’antico palazzo, con pregevoli affreschi sulle facciate e un’antica meridiana, è stato oggetto negli scorsi anni di un recupero realizzato dal Comune. Già ospita la «Bottega di Sara» (unico negozio del paese che si fregia del titolo di «Storica attività»), la biblioteca civica, il Centro sportivo comunale e alcuni appartamenti. «I locali della nuova sede – sottolinea Davide Calvi, presidente Afavb – sono stati concessi dal Comune in comodato d’uso gratuito sino al 2019. Costituisce un punto di ritrovo decisivo per la programmazione dell’attività e la gestione delle pratiche di segreteria che coinvolgono in tutta la Val Brembana oltre duecento soci».

CONTINUA ARTICOLO »

Sedrina: un comitato per la ciclabile Villa d’Almè/ Sedrina/ Zogno

Sedrina Non commentato »

TLlnbN9Sedrina – Da alcune settimane abbiamo costituito un comitato ufficiale al quale partecipano rappresentanti dei Comuni interessati a riprendere in mano il progetto della ciclabile Villa d’Almè – Sedrina – Zogno. Con la collaborazione ufficiale delle varie protezioni civile e antincendio boschivo alle quali si sono aggiunti vari volontari e stiamo operando una prima pulitura grossolana. Il primo obbiettivo è rendere agibile il passaggio ad una commissione di ingegneri della provincia, che possano fare rilievi, misure e quant’altro per predisporre un progetto esecutivo dei lavori. Il progetto dovrà poi essere sezionato per lotti e competenze territoriali e sarà lo strumento sul quale ricercare i finanziamenti necessari. entro la fine dell’inverno o giù di li vorremmo completare la pulizia con la rimozione/distruzione di tutti i rovi e il legname che è stato tagliato, rimozione di tutti (tanti) rifiuti presenti sul sedime ex ferrovia e iniziare una “manutenzione ordinaria” del tracciato.

CONTINUA ARTICOLO »

Il Centro Storico pubblica le memorie della resistenza di Gianni Artifoni

-La Valle Brembana Non commentato »

ArtifoniAlta Valle Brembana – In occasione del 70° anniversario della Liberazione, il Centro Storico Culturale Valle Brembana ha promosso l’edizione delle memorie del partigiano Gianni Artifoni (1922-1992) relative agli anni della sua militanza nella Resistenza, in Alta Valle Brembana, in Valle Taleggio e a Bergamo. In particolare, Artifoni operò per molti mesi, tra il 1943 e il 1945, nella zona tra Olmo al Brembo, Piazzatorre, Piazzolo e Mezzoldo oltre che a Piazza Brembana, dove fu anche incarcerato dalla Brigata Nera, e prese parte alle principali operazioni dell’86ª Brigata partigiana Garibaldi, dando un contributo significativo durante le giornate della Liberazione.

CONTINUA ARTICOLO »