San Pellegrino Terme – Sono ripresi, dopo alcuni anni di stop, i lavori di recupero dell’ex Excelsior di San , uno degli storici alberghi della cittadina termale, chiuso dal 1985. Secondo le saranno realizzati appartamenti e, al piano terra, un ristorante, mentre sotto il parco verde è prevista la realizzazione di garage per 44 auto. Nella ristrutturazione della facciata saranno mantenute le caratteristiche architettoniche dell’ex hotel. Il Piano regolatore prevedeva che una parte dell’edificio fosse conservata ad albergo ma, dopo un ricorso, il Tar diede ragione al privato che, al contrario, chiedeva la trasformazione totale in residenziale-commerciale.

Si recupera il centro storico
«Il recupero, comunque, – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Franco Nicolosi – consentirà di proseguire nella riqualificazione del centro storico, trovandosi l’hotel, ormai in stato di degrado, proprio lungo viale Papa Giovanni». E il recupero sarà sicuramente uno degli interventi più consistenti che quest’anno saranno realizzati a San Pellegrino (insieme ai previsti lavori del centro termale e del casinò). Piange, infatti, il piano delle opere pubbliche approvato recentemente in Consiglio comunale. Pochi fondi, dagli enti superiori, almeno per l’attività ordinaria. Così gli interventi previsti sono sempre meno. Tralasciando i milioni di euro, in parte già utilizzati, per l’operazione di rilancio turistico-termale, anche San Pellegrino deve fare i conti con l’attuale situazione di crisi economica. Gli unici fondi certi da spendere quest’anno saranno i 120 mila euro erogati dalla , del gruppo Nestlè, contributo che da alcuni anni l’azienda di acque minerali versa nelle casse del Comune.

Ponte Donizetti e Santa Croce
«Verranno utilizzati per la sistemazione dei marciapiedi del ponte Donizetti – spiega l’assessore Nicolosi – quindi per la sistemazione di una mulattiera a Santa Croce (zona alta)». In pratica saranno gli unici interventi di sicura realizzazione nel piano delle opere pubbliche 2012 del Comune, piano approvato recentemente dal Consiglio (con il voto contrario delle minoranze). «Gli altri interventi previsti – spiega ancora l’assessore ai Lavori pubblici Nicolosi – sono, invece, subordinati alla concessione di finanziamenti della Regione e della . Il momento è veramente difficile. Lo scorso anno abbiamo raccolto 72 mila euro di oneri di urbanizzazione e quest’anno non andremo molto lontano».

La per Sussia
Tra le opere inserite nel Piano la sistemazione di Villa Speranza (500 mila euro) e del centro civico (centomila euro), il completamento dell’acquedotto rurale a Vettarola, sistemazioni idrauliche della Valcumina e della Val Gazzina e il miglioramento della strada rurale per Sussia. Per quanto riguarda l’Imu è stata applicato lo 0,4% per la prima casa e lo 0,81% per seconde e alberghi.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo

http://forum.valbrembanaweb.com/novita-valle-brembana-f52/rilancio-pellegrino-terme-grand-hotel-t1145-639.html