– Le strade storiche della Valle , ovvero le vie Mercatorum e Priula, come elementi storici significativi per promuovere la terra del Brembo. Attraverso un film e poi un progetto che coinvolge Italia e Svizzera attorno proprio alle antiche vie di comunicazione, dalla Serenissima ai Grigioni. Il documentario, realizzato in lingua italiana e inglese dal Centro sperimentale di cinematografia della Regione nell’ambito di un progetto di delle vie storiche lombarde, è stato presentato all’Ostello dei Tasso di Camerata Cornello: otto minuti particolarmente suggestivi, alla scoperta delle bellezze naturali e artistiche che si incontrano lungo le antiche strade o ciò di cui resta delle vie Mercatorum (serie di mulattiere che da Bergamo, attraverso Nembro, la e salivano verso l’Europa) e Priula (costruita a fine 1500 per collegare Venezia ai Grigioni svizzeri).

Dalle grotte a Leonardo da Vinci
Le grotte di Zogno, la pieve di , Cornello, , Oneta, le mappe di Leonardo da Vinci, Tasso e il servizio postale in Europa, il valico di San Marco. Immagini, musica e commenti riassumono con bravura la storia millenaria e i lasciti di una comunità: «Poesia, comunicazione ed efficienza – ha detto Ambra Fredrigo, la giovane friulana regista del film – perché la gente brembana ha riconosciuto il potere della comunicazione (quello del servizio postale dei Tasso, diffuso in tutta Europa)». E poi, l’appello finale: «In Valle Brembana c’è molto di più. C’è un passato, c’è un futuro. Ma nulla è come viverlo di persona».

La presentazione del film, che ora dovrà essere distribuito per la promozione della valle, è stata poi l’occasione anche per illustrare il piano integrato transfrontaliero Italia-Svizzera denominato «Vivere le », sempre sulla valorizzazione delle strade storiche di collegamento tra Lombardia e il nord Europa. Piano, da circa 4 milioni di euro, che si concluderà nel 2013 e interesserà anche le strade storiche brembane.

Bus navetta e recupero delle vie
Con diverse opportunità, descritte da Marilena Baggio della Regione Lombardia: il recupero di alcuni tratti delle vie storiche Priula e Mercatorum, la realizzazione di box informativi, cartellonistica, l’apertura di un centro unico di prenotazioni per pacchetti turistici, la promozione di un tipo di ricettività come l’albergo diffuso, la realizzazione di guide del viandante, cartografiche e multimediali, e poi una navetta-bus che potrà portare il turista alla scoperta dei luoghi principali sulle vie storiche. Queste le azioni concrete che dovrebbe portare il progetto, nell’arco di tre anni, grazie a un finanziamento che si aggirà intorno al milione di euro. «L’obiettivo è quello di essere operativamente pronti per l’ – ha detto Baggio – ma già entro la fine di quest’anno dovremmo iniziare con le prime attività, dal recupero di alcuni tratti delle vie storiche, allo studio delle iniziative».

E alla presentazione dei progetti di valorizzazione delle vie Mercatorum e Priula non poteva mancare l’associazione «Amici del Museo dei Tasso», del Cornello (sono intervenuti anche il sindaco Gianfranco , lo storico Tarcisio Bottani, il vicepresidente dell’istituto scolastico Turoldo di Zogno Oreste Imperato, il presidente della Comunità montana Alberto Mazzoleni e altri amministratori vallari). Giampietro Salvi, presidente del sodalizio, ha annunciato la costituzione di un comitato scientifico internazionale sui Tasso, per promuovere eventi in vista dell’Expo del 2015 e, nel 2017, per il 500° della nascita del mastro di posta Francesco Tasso.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo