La perturbazione ieri sera, imbiancata tutta la Bergamasca. A Foppolo -14. Il meteo: settimana prossima si farà sul serio. È stata benevola con chi lavora, la nuova bufera di di ieri sera, perché è iniziata verso le 19, quando la maggior parte delle persone era già al sicuro, davanti al focolare. Così, nessuna polemica per il sale e per le code, per i marciapiedi e per il ghiaccio. Di certo si è trattato di una precipitazione leggera ma «feroce», perché viaggiava in un’aria a temperatura negativa su tutta la provincia, e proveniva da uno strato nuvoloso che dichiarava, ai 4.100 metri da cui iniziava la formazione dei fiocchi, una temperatura di ben -25 °C. Da anni non eravamo più abituati ad avere a dicembre questo tipo di ondate di freddo, un freddo che ieri in giornata ha fatto segnare una massima di soli +0,5 °C alla stazione di pianura di Ponte San Pietro (rete della Protezione civile Lombardia), nonostante la presenza del sole fino a metà pomeriggio, e che ha tenuto fra -14,2 °C e -7,9 °C gli estremi termici di .

Il nevischio di ieri sera è stato portato da una piccola ma vivace trottola di bassa pressione, che è transitata in 12 ore dalla Provenza lungo l’Appennino settentrionale, e che oggi troveremo in cammino lungo l’Adriatico. Siamo stati solo sfiorati dalle precipitazioni, che hanno avuto ben altra resa nevosa ovunque. Nella Bergamasca, in tarda serata si segnalava qualche centimetro di neve sulla bassa pianura, solo sottili infarinate invece, inferiori al centimetro, nelle alte valli e in .

Era neve sufficiente comunque a rendere impegnativa la viabilità, a causa del freddo marcato che la accompagnava, e che anche dove le strade erano trattate col sale, presentava diverse scie ghiacciate da affrontare a bassa velocità. Sono usciti i mezzi spargisale. Il lavoro dei tecnici specializzati ha riguardato in una prima fase l’Asse interurbano, quindi si è esteso anche alle principali arterie di collegamento della provincia. La sala operativa della polizia stradale di ha monitorato la transitabilità per tutta la serata, in stretto contatto con i colleghi della polstrada di Seriate (competenti nel tratto autostradale tra Brescia e Milano Est), con le centrali dei delle compagnie di , , Clusone e , e con i comandi delle polizie locali.

Inevitabili i rallentamenti e qualche . Verso le 19,40, per esempio, quando a Bergamo iniziavano a vedersi i primi fiocchi, tre auto si sono tamponate allo svincolo tra la circonvallazione Fabriciano e via Ruggeri da Stabello. Pochi minuti dopo, a Pognano in via Leonardo Da Vinci, un’auto si è ribaltata: sul posto il 118, i vigili del fuoco e i carabinieri, ma non si sono registrati feriti gravi.

Questo fine settimana sarà freddo, di diversi gradi sotto le temperature di riferimento per il periodo. Si sbloccherà la situazione a partire da lunedì, quando le correnti fredde che hanno interessato tutta questa settimana, verranno gradualmente sostituite da una nuova circolazione mite e umida, proveniente dal Mediterraneo occidentale. Vedremo nuova neve anche in pianura, questa volta decisamente più corposa degli «scherzi» visti finora, ma la sua tenuta e quantità dipenderà dal comportamento delle correnti miti da Sud che scorreranno sulla pianura padana.

L’Eco di Bergamo

NOWCASTING OROBIEMETEO 16 – 20Dicembre – Neve ghiacciata in arrivo