– Mentre in Senato si prepara il dibattito sulla manovra finanziaria varata la scorsa settimana dal Governo, nelle realtà locali si affilano le armi per cercare di contrastare alcune delle misure considerate tra le più negative del provvedimento. Fra queste, pure in , la norma che, in base a criteri per la verità ancora non del tutto definiti, stabilisce l’accorpamento per i Comuni con meno di mille abitanti. In provincia sono, in tutto, 57, concentrati in gran parte in Valle Brembana al punto che fra i primi a puntare il dito contro le potenziali ricadute negative della decisione dell’esecutivo c’è stato il presidente della , : «Ci troviamo di fronte – ha spiegato – a uno scenario assurdo.

Se la legge, infatti, restasse così com’è, nella nostra zona nascerebbe un’Unione di almeno 18 paesi su una superficie di 300 chilometri quadrati. E, a gestirla, ci sarebbero un solo sindaco e quattro assessori. Impensabile». L’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha già annunciato una manifestazione nazionale fissata per il 29 agosto prossimo a Torino. Ma gli amministratori bergamaschi, nel frattempo, non hanno intenzione di rimanere con le mani in mano: «Nella nostra prossima riunione – ha annunciato Mazzoleni – voteremo un ordine del giorno nel quale si sottolinea che la nuova norma non produrrà alcun risparmio per le casse dello Stato ma solo nuovi problemi per i cittadini. Basti pensare che e si troverebbero accorpati benché li separi una distanza di 40 chilometri».

Insomma, una sconfessione su tutta la linea delle scelte annunciate da Roma e che si spera il dibattito parlamentare possa, in qualche misura, modificare. Intanto la questione dell’accorpamento dei municipi minori finirà anche sul tavolo della Provincia: il sindaco di San Terme, Vittorio , che è capogruppo in via della Lista Bettoni, ha presentato una mozione urgente nella quale, premettendo che «il risparmio che deriverà dal provvedimento è in realtà insignificante», chiede al Governo di «ritirare la proposta» e impegna il presidente della Provincia, , «a promuovere ogni iniziativa utile all’obiettivo della salvaguardia dei Comuni e dei diritti dei cittadini».

Alessandro Borelli – Il Giorno

Discussione ” Accorpamento piccoli Comuni della Valle Brembana” dal Forum della Valle Brembana