Centraline idroelettriche, Ornica record con 7 richieste

Ornica Non commentato »

Ornica – E sono sette. Un record, probabilmente. Nella giungla delle richieste per realizzare centraline idroelettriche su piccoli e grandi corsi d’acqua in Bergamasca, svetta, considerando anche l’esiguità del reticolo idrico, il piccolissimo Ornica: una centralina è già in funzione da quasi dieci anni nel torrente sotto il paese, località Fusinette, e, grazie a una convenzione, porta nelle casse comunali circa 50-60 mila euro l’anno, «cosa che ci consente di fare il bilancio», dice il sindaco Gino Quarteroni; un’altra centralina è in corso di costruzione in Val Salmurano (sopra l’abitato) e dovrebbe entrare in funzione la prossima primavera, a opera di una società di Orio al Serio; quindi, da tempo, c’erano altre quattro richieste di realizzazione di impianti nella pregiatissima Valle Inferno (a cui il Comune ha dato parere negativo); ultima, in ordine cronologico, la settima richiesta di poco tempo fa, ancora per una centralina, a monte di quella in costruzione ora, quindi in Val Salmurano.

CONTINUA ARTICOLO »

In T-shirt e calzoncini nella neve, due soccorsi dall’elicottero

Carona 3 Commenti »

elisoccorso-valle-brembanaCarona – Se fossero rimasti bloccati in Trentino o in Valle d’Aosta avrebbero dovuto sborsare centinaia di euro per l’intervento dell’elisoccorso. Invece ieri pomeriggio due escursionisti di Curno e Milano, il primo di 48 anni e il secondo di 57, sono stati prelevati e riportati alle loro auto in cambio di un semplice grazie. Con la bella stagione, che riempie di visitatori le nostre montagne, si moltiplicano anche gli interventi dell’elicottero del 118. Fondamentali in certi casi, quando il soccorso dev’essere tempestivo e i feriti si trovano in posti irraggiungibili dalle ambulanze, ma un inutile spreco di risorse quando l’equipaggio viene chiamato per motivi inappropriati. È ciò che è avvenuto ieri.

CONTINUA ARTICOLO »

San Pellegrino, il progettista: «Sarà un vero monumento alla nostra acqua

-Speciale Rilancio S.Pellegrino 3 Commenti »

San Pellegrino Terme – La creazione di un monumento all’acqua: questo uno degli intenti che ha guidato il lavoro dei progettisti dello studio «DE8 architetti con Marco Ferreri» di Orio al Serio. «Il progetto – spiega infatti l’architetto Mauro Piantelli – mira a realizzare un “monumento” all’acqua che leghi i tre elementi forti del luogo: acqua, architettura Liberty e ambiente naturale». Il progetto mira anche a svecchiare strutture e immagine di San Pellegrino: «La caratteristica termale era legata a modelli tipologici ormai superati che hanno lasciato in eredità una decadenza strutturale. Bisogna quindi tornare all’origine di tutto, alla fonte da cui sgorga l’acqua e dove, nel tempo, le varie esigenze funzionali legate alla sorgente (Sala Bibite, alberghi, Kursaal) sono state edificate ed hanno strutturato il complesso architettonico Liberty, gli impianti termali, il porticato, il teatro, il Casinò, lo stesso Grand Hotel».

CONTINUA ARTICOLO »

Branzi, malore durante un giro in bici, muore 51enne di Milano

Branzi Non commentato »

Branzi – L’episodio è avvenuto nella mattinata di sabato 16 giugno verso mezzogiorno, quando l’uomo si trovava in zona via Ponte da Redorta. Sul posto sono intervenuti sia l’ambulanza della Croce Rossa di San Pellegrino Terme sia l’elisoccorso decollato da Orio al Serio. Il personale medico accorso non ha potuto fare nulla per rianimare il 51enne che è deceduto per un infarto. Residente a Milano, il 51enne stava effettuando un’escursione da solo e stava pedalando da Branzi verso Foppolo.

CONTINUA ARTICOLO »