– Le voci festose di circa 300 bambini e ragazzi hanno circondato a il prevosto don Angelo Vigani per festeggiare i suoi 40 anni di sacerdozio. Invitato a sorpresa nella palestra dell’oratorio, dove erano radunati i bambini iscritti al Cre, don Angelo si è trovato coinvolto in canti, balli e simpatici giochi. Un regalo spontaneo per ringraziare il sacerdote per il servizio pastorale che sta svolgendo nella parrocchia e per la sua testimonianza di vita sacerdotale. Seduto su un divanetto ha partecipato allo svolgimento di un grande cruciverba, nel quale, tra definizioni curiose legate alla vita parrocchiale, è comparsa la parola chiave: «Auguri don».

Il curato don Samuele Novali lo ha poi invitato a sedersi su una particolare lunghissima bicicletta a più posti: «Tu sei la nostra guida, sei colui che ci conduce nel nostro cammino di comunità e a te riserviamo il sellino davanti. Noi ti seguiamo e ti vogliamo bene». Don Angelo si è così cimentato in una simbolica pedalata. Dopo la consegna di un dono il taglio della torta. Don Vigani, nativo di Trescore, è giunto a Zogno nel 2001. Ordinato il 27 giugno 1970, è stato coadiutore parrocchiale a Foresto Sparso e ad Arcene, poi parroco a dal 1980 al 1989 e amministratore parrocchiale di San Marco e San Salvatore dal 1980 al 1986. Prima di diventare prevosto di Zogno è stato parroco di Alzano Sopra dal 1989 al 2001. Oggi, a 40 anni esatti di distanza dall’ordinazione, la comunità lo festeggerà durante la Messa delle 11, nella parrocchiale.

– L’Eco di Bergamo