Zogno, otto pomeriggi di shopping tra spettacoli ed animazione

Zogno Non commentato »

We love shoppingZogno – We Love Shopping» è la nuova iniziativa dedicata alla promozione del commercio, ai bambini, alle famiglie e alla loro voglia di fare acquisti nella cittadina zognese. Nel centro commerciale «en plein air» ogni sabato pomeriggio, dal 6 giugno al 25 luglio, a partire dalle ore 16 alle ore 19, gli esercizi di vicinato del centro storico di Zogno saranno coinvolti in spettacoli di animazione ed intrattenimento. Ad alternarsi saranno trampolieri, animatori in sella a monocicli, prestigiatori, mangiafuoco, giocolieri e cantastorie, che allieteranno i bambini e gli adulti alle prese con lo shopping per le vie del capoluogo brembano. L’iniziativa, che preannuncia un’estate di intrattenimento ed animazione, è promossa dall’Assessorato al Commercio del Comune di Zogno, nell’ambito del progetto «Vallinfamiglia» del Distretto del Commercio «La porta della Valle Brembana», con il patrocinio dell’Associazione esercenti Punto Amico.

CONTINUA ARTICOLO »

Zogno, Orlandini nuovo capogruppo degli alpini

Zogno Non commentato »

Zogno – A termini di statuto il gruppo alpini di Zogno ha rinnovato il consiglio direttivo giunto a scadenza triennale di mandato. Il rinnovo ha portato pure a una riassegnazione dell’incarico di capogruppo: ha lasciato Luigi Garofano e gli è succeduto Giovanni Orlandini. Nota storico-statistica: con oltre 320 soci il gruppo scarpone zognese è attualmente il più numeroso della sezione Ana bergamasca, essendo pure nel ristretto novero dei gruppi di più antica costituzione, novant’anni festeggiati due anni orsono con una grande manifestazione provinciale. Luigi Garofano ha messo lo zaino a terra dopo trent’anni di permanenza ai vertici del gruppo, prima come vicecapogruppo e da 21 anni come capogruppo, un incarico che lo ha visto costantemente impegnato nelle numerose attività svolte dagli alpini.

CONTINUA ARTICOLO »

Zogno, premi e defibrillatori per lo sport

Zogno Non commentato »

Zogno – Il primo è stato la consegna dei riconoscimenti per i risultati individuali e di società conseguiti dal mondo sportivo locale, il secondo dei defibrillatori acquisiti dal Comune e assegnati agli impianti sportivi o scolastici nei quali si svolge un primo approccio con l’agonismo. La serata al palazzetto A organizzare la serata, svoltasi con ampia partecipazione di sportivi e di pubblico al palazzetto comunale dello sport di Camagnghè, il delegato allo sport Diego Donadoni. «La realtà sportiva zognese – commenta Donadoni – è decisamente consistente se si pensa che sono oltre un migliaio i praticanti in un contesto di oltre trenta società e una ventina di discipline. Meriti personali e dei gruppi, dunque, ma è certamente determinante anche la disponibilità sul territorio di buone strutture mantenute efficienti e incrementate nel numero dal Comune». I defibrillatori Tale attenzione si è concretizzata ora con la messa a disposizione nelle strutture comunali di otto defibrillatori e nella concessione di contributi alle società operanti su spazi privati per l’acquisto delle apparecchiature».

CONTINUA ARTICOLO »

Stop a esondazioni e frane, via ai lavori a Poscante

Zogno Non commentato »

Zogno – prosegue nell’opera di messa in sicurezza del territorio con un terzo lotto di interventi per un importo di 30 mila euro. Il piano del Comune ha disposto uno stanziamento complessivo di 80 mila euro per l’anno 2014: 50 mila euro sono stati già utilizzati nei mesi scorsi per interventi vari eseguiti con la squadra degli operai comunali e con uomini della Comunità montana di Valle Brembana. Questi operano sul territorio vallare su richiesta dei Comuni con costi più convenienti – fatte salve le competenze del personale – rispetto ai privato. Il nuovo lotto di lavori è stato di recente deliberato dal Consiglio comunale che ha trovato le risorse necessarie in una variazione del bilancio annuale. Sivuole intervenire in una valletta della frazione di Poscante, precisamente quella che scorre in fondo ai costoni sui quali sorgono da un lato le contrade di Altemarie e Ripa e dall’altro di Castegnone.

CONTINUA ARTICOLO »