Lenna – Un centro benessere da Ferdy Quarteroni, titolare del pluripremiato di , non poteva che essere originale e con un particolare legame col territorio. E così è stato. Oggi, accanto agli alloggi, alla ristorazione, all’attività agricola e didattica – modello in Lombardia per naturalità e tradizione – apre anche il «Borgo del benessere», centro wellness sicuramente unico nel suo genere in .

Bagni «Regina Margherita»
Le vasche dove poter fare bagni agli oli essenziali di abete bianco o rosso – naturalmente prodotti dall’azienda nei boschi di Ornica – o i bagni terapeutici al siero di latte? Arrivano dal Grand Hotel di San Pellegrino, lo storico albergo del Novecento che ospitò principi, regine, sultani, campioni dello sport e delle lettere da tutta Europa. Recuperate da Marino Sonzogni di , appassionato di pietre antiche, sono probabilmente gli ultimi pezzi ancora rimasti in dei preziosi arredi ’albergo, negli anni andati all’asta. Ci si immerge per un bagno balsamico in quasi 200 litri d’acqua calda – tanto è la capienza delle vasche – con i sali agli oli essenziali di abete. Per chi cerca qualcosa di ancora più originale, ma sempre terapeutico, nelle vasche si fanno bagni al siero di latte o al latte di capra orobica «Regina Margherita» (in onore della prestigiosa ospite del Grand Hotel), razza in via di estinzione allevata da Ferdy allo stato brado. Così legato al territorio e alla vita agricola, fra le cure del Borgo – oltre ad altri trattamenti come massaggi, biosauna e sauna finlandese – non poteva mancare l’uso di fieno e lana di pecora bergamasca. La fitobalneoterapia viene utilizzata per «bagni» terapeutici rilassanti, antinfiammatori e antistress; l’immersione nella lanolina, invece, lenisce mente e corpo, è antinfiammatoria e rafforza il sistema immunitario.

Archi, fontane e pietre antiche
Il tutto in un’atmosfera particolarmente suggestiva, ovvero un piccolo borgo medievale in pietre antiche e marmi bergamaschi, ricostruito nei minimi dettagli, con fontanelle, archi del 1300 provenienti dalla valle, caminetti, vecchie inferriate per le finestre e antichi portoni in legno. Il centro benessere, aperto anche a chi non è ospitato in agriturismo, viene riservato sempre a poche alla volta, per garantire intimità e relax (è disponibile anche servizio baby sitter), ed è costantemente seguito da personale specializzato (una massoterapista e un’estetista). «Abbiamo voluto creare qualcosa di veramente unico – dice Ferdy Qua teroni – ma sempre valorizzando ciò che di offre la nostra terra, dalle erbe officinali raccolte a mano per le tisane agli oli essenziali di abete bianco e rosso, dal fieno al latte di capra orobica. Questa è sempre stata la nostra filosofia».

Info e prenotazioni sul sito Internet www.agriturismoferdy.com o allo 0345.82235.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di