Un progetto di legge per dare la facoltà a Regione Lombardia di autorizzare l’apertura di una sala da gioco a San Pellegrino Terme. Lo ha presentato oggi al Pirellone il consigliere regionale del Carroccio, Giosuè Frosio, incontrando il plauso del parlamentare leghista Giacomo Stucchi: «Un ottimo progetto di legge. Vada avanti veloce».

«In quasi tutti i Paesi europei – spiega Frosio – esiste una regolamentazione precisa in tema di case da gioco, purtroppo l’Italia è ancora sprovvista di una normativa generale salvo un regime speciale a favore di quattro specifiche case da gioco: Sanremo, Venezia, Campione d’Italia e Saint-Vincent. Un vuoto legislativo causato dalla presenza di articoli del codice penale che sanciscono il divieto di praticare il gioco d’azzardo. Il comportamento dello Stato è tutto sommato paradossale visto che ogni anno si aumenta in maniera considerevole la pubblicizzazione di giochi e lotterie, dal superenalotto ai gratta e vinci, con entrate sempre più ingenti per le casse statali».

Frosio fa presente che molti italiani ricorrono a sale da gioco in Francia, Montecarlo, Croazia
«Il nostro Plp (progetto di legge al Parlamento) – spiega Frosio – chiede che si possa riaprire lo storico Casinò di , che ebbe il suo periodo più fulgido nei primi due decenni del novecento. L’obiettivo è quello del rilancio turistico di San e dell’intero comprensorio della . Un potenziamento che avrebbe benefici riflessi anche per le numerose attività artigianali ed industriali presenti nella zona».

«Va segnalato – conclude il consigliere – che Regione Lombardia ha recentemente deciso lo stanziamento di 498.500 euro proprio per i lavori di restauro dell’edificio del Casinò municipale di San Pellegrino Terme. Riportarlo al suo originario utilizzo rappresenterebbe il degno completamento della sua riqualificazione».

L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi Appartamenti S.PellegrinoFotografie San Pellegrino