perelloAlgua – È uno dei luoghi di culto più amati in Brembana e riaprirà come di consueto domani, a Pasquetta. Parliamo del santuario della Beata Vergine del monte Perello di . Saranno due le novità che accoglieranno le persone che affolleranno il santuario: il nuovo piazzale in fase di completamento e i nuovi servizi igienici. Per quanto riguarda il sagrato è in via di ultimazione il rifacimento della pavimentazione (prima era in ghiaia) che permetterà anche agli ammalati in carrozzina di poter raggiungere e muoversi negli spazi esterni al santuario. Anche i nuovi servizi igienici prevedono un più facile accesso per i disabili.

«Si tratta – commenta don Pierangelo Redondi, rettore del santuario – di due interventi che ci erano stati richiesti da molto tempo ma che erano stati preceduti dal completamento di altre opere più urgenti per la sicurezza come il rifacimento del tetto e dell’impianto elettrico. Sono lavori che hanno come primi beneficiari i malati. Faccio appello alla generosità di tutti per sostenere questi interventi che hanno un costo totale di 130 mila euro e che rendono più accogliente questo importante luogo di culto anche in vista del prossimo anno, quando festeggeremo i 600 anni dall’Apparizione». La giornata inaugurale prevede alle 8 la prima funzione celebrata da padre Giosuè Torquati, alle 10,30 la Messa solenne presieduta da monsignor Lino Belotti, vescovo ausiliare emerito di Bergamo, e accompagnata dal canto della corale di . Alle 16 Messa con la corale di San , quindi alle 17. Il santuario, dove si venera l’Apparizione della Madonna a un contadino avvenuta il 2 luglio 1413, resterà aperto fino al primo novembre.

Continuano, intanto, le attività di solidarietà del gruppo «Amici del santuario del Perello» di Selvino, che fa riferimento al prete selvinese don Valerio Ghilardi, insegnante al collegio Sant’Alessandro e cappellano del santuario mariano. Domani, dalle 9 alle 19, i volontari, in corso a Selvino, organizzano un momento di informazione e del santuario del Perello. Sarà allestito un mercatino dell’artigianato, con alcune bancarelle di oggettistica varia, la cui vendita è finalizzata a una raccolta di fondi per sostenere le opere di restauro dell’edificio religioso. Anticamente denominato «Oratorio della Beata Vergine Maria ad Elisabetta nel Bosco del Perello», il santuario si trova sulla strada che da Selvino porta alla , immerso nel verde dei boschi e in territorio di Algua.

Davide Cortinovis – L’Eco di Bergamo