Inaugurata la sede per i militari in congedo. Premiati 15 soci. Doppia festa per i militari dell’Arma a San Pellegrino: domenica scorsa hanno festeggiato la patrona Virgo Fidelis ma anche l’inaugurazione della nuova sede della Valle Brembana dei Carabinieri in congedo. La nuova sede si trova in piazzetta degli Agostiniani, a pochi passi dalla chiesetta di San Nicola. Alla cerimonia hanno partecipato anche i parenti di Antonio Arnoldi, il carabiniere di Peghera di Taleggio che perse la vita a Milazzo 35 anni fa, a cui è stata intitolata la sede. La visita ai nuovi locali, guidata dal presidente dei Carabinieri in congedo Sergio Bernabò Siniscalchi, si è svolta alla presenza di diverse autorità, tra cui il sindaco Gianluigi Scanzi, il capitano della Compagnia di Zogno Stefano Bove, il tenente colonnello di Bergamo Gregorio Paissan e il capogruppo degli alpini di San Pellegrino Giorgio Sonzogni. Dopo il taglio del nastro e la benedizione impartita dal parroco monsignor Giacomo Locatelli, si è tenuto il corteo, accompagnato dalla banda, fino al tempio dei Caduti, dove è stata celebrata la Messa.

«I Carabinieri sono stati affidati alla celeste protezione di Maria, Virgo Fidelis – ha ricordato il parroco – un titolo che racchiude in sé tutto il significato della vita di Maria, spesa nella fedeltà alla missione ricevuta e accolta. La scelta della Madonna come patrona dell’Arma è ispirata proprio a questo: alla fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, è caratteristica dei Carabinieri».

La festa è proseguita con l’incontro conviviale al casinò. Il pranzo è stato anche l’occasione per la premiazione di alcuni iscritti all’associazione. Per i 20 anni sono stati premiati con una statuetta in argento raffigurante la fiamma dell’Arma, Franco e Luca Baschenis di Piazza Brembana; Gianfranco Bertinotti, Sergio Accardi, Pierangelo Carminati, Roberto Inverardi, Ivan Zani, Pasquale Renna, Lorenzo Foschi, Leonardo Virgilio, Giuseppe Gulino, di Zogno; Flavio Cavagna, Luca Avogadro, Marco Cavagna e Sergio Siniscalchi di San Pellegrino. Sono stati omaggiati, inoltre, anche il sindaco Scanzi, Fulvia Arnoldi, sorella del carabiniere Antonio e il comandante dei Carabinieri della compagnia di Zogno Stefano Bove che ha ringraziato con un breve intervento. «Il carabiniere – ha detto – svolge un serivizio per il cittadino. Lo ripeto sempre ai miei uomini: non si lavora per il capitano ma per il cittadino. E sono molto grato all’associazione dei carabinieri in congedo della Valle Brembana che è motivo di orgoglio per tutti coloro che sono in servizio».

Silvia Salvi – L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi e Appartamenti San Pellegrino TermeFotografie San Pellegrino Terme
EscursioniManifestazioniI Tesori del LibertyCartoline antiche