posa-piloni5: posati i pali che sosterranno funi e seggiolini. Sarà a servizio della pista Camoscio, porterà 1.200 sciatori.

A San Simone di è in atto una gara contro il tempo per la costruzione della nuova seggiovia biposto di servizio alla pista Camoscio, in sostituzione del vecchio e ormai obsoleto skilift preesistente.

Nei giorni scorsi erano state realizzate le piattaforme in cemento sulle quali giovedì pomeriggio, facendo uso dell’elicottero, sono stati montati i pali in ferro di sostegno delle rulliere e quindi della fune sulla quale sono stati montati i seggiolini.

sistemato il piano sciabile
Dice il sindaco di Valleve Santo Cattaneo: «Stiamo proprio bruciando le tappe perché vogliamo la messa in funzione del nuovo impianto per l’inizio ormai prossimo della stagione invernale per cui i tempi sono ristretti e finora il lavoro è proceduto nel rispetto del cronoprogramma. La costruzione della nuova seggiovia è pertanto a buon punto e nel contempo è stato sistemato il piano sciabile».

una seggiovia biposto
E aggiunge: «A questo punto, sono ragionevolmente fiducioso nella possibilità che la nuova seggiovia sarà attiva». Arrivando ora alla presentazione del nuovo impianto. Si tratta di una seggiovia biposto con una portata di 1.200 sciatori all’ora con un incremento di 500 sciatori all’ora sul vecchio impianto di servizio a una pista «rossa» (difficoltà medioalte) molto interessante in termini sciistici della lunghezza di circa un chilometro disegnata sulle pendici del .

I piloni di sostegno della fune sono dieci, l’impianto ha la stazione a adiacente a quella della seggiovia triposto inaugurata tre anni orsono sul piano del rifugio del Camoscio, per cui a 1.760 metri e a monte di monte di 1.960 metri. L’accesso all’impianto è facilitato da un tapis-roulant che accompagna lo sciatore al seggiolino.

I costi e la portata
Il costo del nuovo impianto si aggira sui 2,8 milioni di euro, a carico di Brembosuperski. A lavori ultimati la rete degli impianti di risalita di San Simone avrà una potenzialità di portata di oltre 6.000 sciatori all’ora, con due impianti, la seggiovia Sessi attiva da tre stagioni e la nuova seggiovia Camoscio. Con la realizzazione del nuovo impianto si compie dunque un altro significativo passo sulla della riqualificazione del comprensorio.

Da mettere in conto positivo ancora la realizzazione del nuovo paravalanghe del Vago, sempre in comune di Valleve e del tratto più difficile della strada provinciale per Carona. Più che buone, dunque, anche per San Simone-Valleve le prospettive per la prossima vacanza sulla , sottolineate anche dal presidente di Brembosuperski (società costituita dai Comuni di , Valleve e Carona che gestisce gli impianti di risalita) Beppe Berera presente sul cantiere: «Coi lavori in corso si sta facendo un altro passo sulla via della riqualificazione del patrimonio strutturale e di conseguenza del comprensorio di Brembosuperski».

Sergio Tiraboschi – L’Eco di Bergamo

http://forum.valbrembanaweb.com/stazioni-ski-valle-brembana-f78/brembosuperski-san-simone-progetto-nuova-seggiovia-camoscio-t2543-153.html

Alberghi, Ristoranti e Appartamenti ValleveFotografie Valleve
EscursioniManifestazioniCartoline anticheScialpinismo Valleve