OmniaStando al numero di bande musicali tradizionali ma anche di gruppi rock e folk attivi in Valle Brembana, il nuovo negozio di strumenti musicali di piazza Zignoni a San Giovanni Bianco non dovrebbe avere problemi ad andare avanti. In Valle Brembana si contano 11 associazioni bandistiche, venti corali, otto gruppi folcloristici, tre scuole di musica ma anche almeno otto band rock giovanili, di quelle che nascono nelle cantine di casa o in qualche locale angusto. Strimpellando chitarre elettriche e suonando la batteria. Ci sono gli Smow di San Pellegrino, a San Giovanni Bianco i John Doe, i Route 69 (dove suona Paolo Bonzi) e i Sottosopra, gli , ancora la Project band e i Prosit a Brembilla e gli Omnia con Dario Capelli (leader anche della Vascombriccola), nati tanti anni fa a Zogno. Suonano soprattutto cover, ma c’è anche chi tenta la strada di brani originali.

«Bene o male i gruppi rock si conoscono tutti in valle – dice Mirko Mosca, 31 anni, cantante degli Smow di Santa Croce, gruppo sorto nel 2000 –. Il nostro gruppo è nato perché, fratelli e cugini, avevamo la passione per la musica». Band che suonano soprattutto d’estate, in valle o fuori, nelle piazze o nei locali. E provano d’inverno. «Noi siamo fortunati perché, per le prove, abbiamo un locale che ci mette a disposizione l’oratorio – continua Mosca – e altri gruppi che sono venuti a trovarci ci invidiamo questa possibilità». Ma oltre al rock la valle è ricca di folk. Ecco allora i Color sound, gli Arimo, i Noter de Berghem, la Pier Band, i Venere Privata, i Samadur e gli Alegher.

L’Eco di Bergamo