comunita-montana-valle-brembanaValle Brembana –  Il sindaco di Taleggio, candidato unico, guida la . PIAZZA BREMBANA – Alberto Mazzoleni, sindaco di Taleggio, è il nuovo presidente – il quarto nei 36 anni di vita dell’ente – della Comunità montana di Valle Brembana. Nativo di Taleggio, quarantatreene, celibe, laureato in Economia e management, di professione commercialista con studio a San Pellegrino Terme e Bergamo, Mazzoleni è stato finora consigliere comunale a Taleggio, per tre a San Pellegrino Terme e per cinque (dal 2004 al 2009) primo cittadino a Taleggio, di recente riconfermato nell’incarico. L’elezione del presidente e del direttivo comunitario – composto da , vicario del presidente e assessore, e dagli assessori Giovanni Carlo Salvi, Orfeo Damiani, Ambrogio Quarteroni, Enrico Sonzogni ed Ezio Remuzzi – è avvenuta nella prima riunione, lunedì, dell’assemblea dell’ente, di cui fanno parte i sindaci o i loro delegati.

Si è trattato di un voto pressoché plebiscitario, come peraltro era nelle previsioni sulla base di un accordo sottoscritto da Pdl, Lega e indipendenti che ha portato al nuovo governo vallare: 33 voti su 38 disponibili, quanti sono i Comuni compresi territorialmente nell’ente. Per il resto si sono registrate tre astensioni, un’assenza e un «non voto», in quanto il Comune di è commissariato.

I lavori assembleari sono stati presieduti e introdotti, come prescrive la legge, dal consigliere anziano Davide Calvi, sindaco di Moio de’ Calvi – assistito dal segretario Gaetano Zagarrio – che ha preso lo spunto dalla riorganizzazione delle Comunità montane: «Ritengo particolarmente significativo – ha detto – il fatto che l’assemblea si sia snellita nei numeri dei rappresentanti dei Comuni, e che della medesima facciano parte i sindaci. Sarà così più immediato e stretto il rapporto dell’ente comunitario con il territorio».

cmvb5

Il voto non è stato preceduto dalla presentazione di un programma di lista, come ci si sarebbe potuti attendere: il candidato presidente ha espresso a grandi linee la visione sua e del direttivo in fieri delle tematiche e delle problematiche della valle: «Sono quelle di sempre – ha detto Mazzoleni – della socialità in tutte le sue sfaccettature, ovvero la persona che deve essere baricentrica dell’azione amministrativa. Perciò attenzione alla salute, all’assistenza, alla cura della terza età. Ma anche al lavoro, alla viabilità, all’ambiente, alla scuola, alla cultura anche tramite gli ecomusei».

«Sono i temi e i problemi di sempre – ha proseguito Mazzoleni – che noi tutti conosciamo bene, ai quali si sta lavorando da tempo e che saranno ripresi per risolvere le problematiche e migliorare la qualità della vita in valle. Partiamo da un’esperienza forte e preziosa del passato, sulla quale costruiremo il futuro, auspico con l’impegno di tutti». Nel corso del dibattito, per la maggioranza hanno preso la parola Franco Zani e Gianfranco in appoggio a Mazzoleni.

Per il gruppo misto non allineato hanno parlato Carmelo Goglio, Vittorio Milesi e Giovanni Berera. Concetti comuni di base sono stati la mancata presentazione di un programma organico e le modalità con le quali si è giunti alla costituzione del nuovo governo vallare: «Forse – hanno affermato i tre consiglieri poi astenuti – la valle dove c’è forte presenza di liste civiche avrebbe preferito che per la formazione del governo comunitario si fosse fatto riferimento a un discorso amministrativo locale, anziché a un discorso partitico. Comunque ci sarà un corretto apporto critico ai lavori del direttivo». E ancora: «Pur nelle divergenze delle idee amministrative sentiamo il dovere di esprimere un grazie sincero al presidente rinnovandogli profonda stima personale».

cmvb11 

«Per la redazione del programma – è stata la replica di Mazzoleni – attendo di aver chiara la situazione, che dipende dai trasferimenti regionali». I lavori sono stati conclusi dalla votazione. Oltre ai risultati di cui si è detto, sono stati chiamati a far parte dell’Ufficio di presidenza – competente per la convocazione e il coordinamento dei lavori dell’assemblea – Gerardo Pozzi (del gruppo di maggioranza) come presidente, e come vice (maggioranza) e Rosanna Donati (gruppo misto).

Sergio Tiraboschi – L’Eco di Bergamo