Alpini dell’alta valle Nel corteo per il 90° decine di gagliardetti

Branzi Non commentato »

Branzi – Il gruppo alpini dell’alta Valle Brembana ha festeggiato domenica scorsa il 90° di fondazione. Quest’anno è stato Branzi a ospitare l’evento svoltosi con composta solennità e con la partecipazione di alpini e non soltanto della valle del Brembo, di valligiani e turisti che si sono fatto coinvolgere camminando con le penne nere nel corteo verso il monumento ai Caduti. Partiamo dall’ultimo atto della manifestazione, quando il rappresentante della sezione provinciale ha consegnato alle pubbliche amministrazioni, alle forze dell’ordine e ad altri presenti una copia dell’Almanacco 2014 della sezione Ana di Bergamo. Una copia è andata anche ad Antonio Calvi, classe 1919, e a Roberta Midali, classe 1994. Calvi è uno degli ultimi tre reduci della Campagna di Russia; Midali, di Branzi, è invece caporale alpino al centro sportivo Esercito di Courmayeur, componente della formazione giovanile della squadra nazionale Fisi di sci alpino e campionessa italiana in carica. In questo gesto si è voluto vedere il concetto dell’«alpinità», un passaggio di consegne – che sono improntate agli ideali di amor di patria, di socialità, di attenzione alla persona, di ripudio della guerra – dal vecio al bocia. Un discorso che continua dal 1919 appunto quando – ha ricordato il consigliere nazionale Ana Giorgio Sonzogni – i reduci della Grande Guerra decisero di fondare l’Ana.

CONTINUA ARTICOLO »

Bonaldi, il “cowboy”, trionfo a stelle e strisce

-La Valle Brembana Non commentato »

Sergio_BonaldiPotremmo chiamarlo «Sergio il cowboy», visto che su quattro partecipazioni alla America BirkeBeiner, importante ski marathon che si corre nello stato americano del Wisconsin, Sergio Bonaldi dopo il quinto posto della prima partecipazione non è mai sceso dal podio: primo due anni fa, terzo l’anno scorso e di nuovo primo in questa edizione quando, al termine di un’avvincente volata disputata dopo ben 50 chilometri pattinati sugli sci stretti, è riuscito a sopravanzare sul filo di lana la coppia francese composta da Christophe Perrilat Collomb e Benoit Cauavet. L’ American Birkenbeiner, gara del circuito delle Worldloppet, la Coppa del Mondo delle lunghe distanze, è la più prestigiosa gara di sci nordico in America, dove vincere la «Birkie» equivale a conquistare un titolo nazionale. Gara affascinante, dunque, disputata in tecnica libera, che si snoda dall’aeroporto di Cable e proprio dopo 50 chilometri arriva sulla via principale di Hayward, lungo un percorso costituito da continui saliscendi immersi nella foresta, con piste larghe e passaggi anche su laghi ghiacciati.

CONTINUA ARTICOLO »

Dossena, 50 anni con il tamburello Festa e premiazioni

Dossena Non commentato »

Dossena – Il nome di Dossena è sinonimo di esperienza, qualità e serietà nell’ambiente tamburellistico. In questo paese lo sport del tamburello è un fatto consolidato tant’è che la stragrande maggioranza degli abitanti ne conosce le regole, i segreti e gli umori. La società locale annovera una infinità di vittorie in tantissime manifestazioni da farne una delle più titolate tra quelle della nostra provincia. A Dossena insomma, il tamburello trova una delle sue migliori realtà nella Bergamasca sia per la partecipazione degli appassionati che ne seguono le vicende agonistiche, sia per il numero di coloro che lo praticano e per il mezzo secolo di attività consecutiva che vanta la locale società.

CONTINUA ARTICOLO »

Elisoccorso di Sondrio bloccato dal maltempo pernotta a Foppolo

Foppolo Non commentato »

soccorsoFoppolo – Stava intervenendo per un incidente accaduto a Verolanuova, in provincia di Brescia, quando è stato fatto rientrare mentre sulla Bergamasca stava imperversando il maltempo. Così l’elisoccorso decollato da Sondrio è dovuto atterrare sui monti, forse anche utilizzando un’improvvisata piazzola di sosta ricavata in qualche zona pianeggiante sui 2.000 metri di quota, sul versante valtellinese, appena al di là di Foppolo. È successo ieri, verso le 19,20 quando a Verolanuova si è verificato un incidente frontale tra due auto. Data la gravità dello schianto, era stato chiamato l’elicottero di turno a Sondrio. L’équipe, composta da cinque persone, è partita salvo poi ricevere lo stop dalla centrale.

CONTINUA ARTICOLO »