Gli imprudenti in montagna pagheranno l’elisoccorso

-La Valle Brembana Non commentato »

lombardiuaOROBIE – “Quando un cittadino mette a rischio sia la propria incolumità che quella delle squadre di soccorso sanitario o tecnico, deve essere consapevole che, nel momento in cui queste situazioni non sfociano in ricoveri ospedalieri o non hanno necessità di accertamenti diagnostici, la compartecipazione alla spesa è dovuta”. È quanto ha dichiarato il vicepresidente e assessore alla Salute Mario Mantovani durante la discussione sul progetto di legge ‘Disposizioni in materia di soccorso alpino e speleologico in zone impervie’, approvato dal Consiglio regionale della Lombardia.

CONTINUA ARTICOLO »

Elisoccorso in montagna: via libera addebito non oltre il 50%

-La Valle Brembana Non commentato »

Orobie – Le attività di soccorso prestate in montagna e in zone impervie senza che vi sia riscontro di una reale situazione di emergenza, d’ora in poi in Lombardia, in caso di negligenza o assenza di necessità di cure, potranno comportare un esborso economico a carico del richiedente. E’ quanto prevede il progetto di legge di cui è relatrice Lara Magoni (Lista Maroni) e primo firmatario Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) approvato mercoledì in Commissione Sanità con il voto favorevole di Lega Nord, Lista Maroni, Forza Italia, NCD, Fratelli d’Italia e Gruppo Misto, contrari PD e Patto Civico, astenuti i rappresentanti del Movimento 5 Stelle.

CONTINUA ARTICOLO »

Soccorso Alpino: bisogna pagare i soccorsi inutili

-La Valle Brembana Non commentato »

elisoccorsoValle Brembana – Non sarà solo la montagna a chiedere il conto. Chi la sfiderà e, senza trovarsi in una reale condizione di urgenza ed emergenza sanitaria chiamerà i soccorsi, a fronte di un intervento che verrà classificato con un codice bianco, dovrà pagare. Sia che in aiuto si muovano le squadre dei soccorritori o che si alzi in volo l’eliambulanza, con l’equipaggio specializzato. Con un progetto di legge, la Lombardia sta provando ad adeguarsi a quello che in materia hanno già legiferato Valle d’Aosta, Veneto e Trentino Alto Adige. Regioni dove le chiamate immotivate, gli interventi inappropriati, viaggiano con ticket e tariffe al minuto che, se a chi si trova a saldarli possono sembrare un salasso, riflettono l’esatto costo sostenuto dalla comunità.

CONTINUA ARTICOLO »

Malore sul sentiero, muore pensionato di Santa Brigida

Santa Brigida Non commentato »

Santa Brigida – Sarebbe con tutta probabilità un malore improvviso la causa del decesso, avvenuto ieri, di Luciano Santi, 75 anni, pensionato di Santa Brigida. L’uomo aveva da poco cominciato una passeggiata insieme al fratello Sergio: i due si erano però separati e avevano imboccato due strade diverse per fare lo stesso giro ma, alla fine, l’amara scoperta. Sergio ha trovato il fratello Luciano a terra lungo il sentiero, in località Spressonello, a poche decine di metri dall’abitato di Santa Brigida, verso le 14,30. Luciano era appassionato di montagna spesso andava a farelunghe passeggiate. Anche il giro di ieri era un’escursione molto semplice e già affrontata parecchie volte. Il pensionato era molto conosciuto in paese e nei comuni vicini per via della sua partecipazione quale personaggio principale in diverse commedie proposte dalla compagnia teatrale di Santa Brigida.

CONTINUA ARTICOLO »