Camerata Cornello – Il documentario, tra storia, natura e religione, dura poco meno di dieci minuti. Protagonisti i 16 studenti della classe quinta H, indirizzo turistico, dell’istituto di San . Il video, realizzato lo scorso settembre tra i borghi di Oneta e , in , sarà donato, dagli stessi studenti, accompagnati dall’insegnante Giuseppina Arzuffi e da alcuni genitori, domani mattina, a Papa Francesco, durante l’udienza generale del mercoledì nell’Aula Paolo VI (sala Nervi). Un’occasione unica, per gli studenti, dove poter raccontare al Papa un pezzo della propria terra e della propria storia, ma anche di aspetti poco conosciuti del futuro Papa Giovanni XXIII.

Il filmato, infatti, parte con alcune foto scattate nel 1952 dal Niko Burgarella, fotografo tra e dal 1934 al 1994, in occasione del Congresso eucaristico che si tenne a Zogno. «Il progetto è nato la scorsa primavera – spiega la professoressa Arzuffi – con l’omaggio di “” di una videocamera al nostro istituto. Omaggio che venne fatto alle scuole, a condizione che gli studenti realizzassero un video turistico sulla propria terra ». A quel punto sono stati coinvolti gli studenti della quinta H dell’indirizzo turistico che hanno deciso di realizzare un mini documentario sulla Via , la mulattiera che collega Oneta di San Giovanni Bianco a Cornello dei Tasso, per secoli percorso obbligato verso il nord Europa.

Titolo del video, girato in tre giorni lo scorso settembre, «Terra di Papa Giovanni XXIII: 1001 passi tra storia e natura». Protagonisti, nella regia, nelle scene, nel commento e nel montaggio finale, i 16 ragazzi dell’Alberghiero. Che nei dieci minuti di riprese illustrano l’importanza storica, ma anche le caratteristiche naturalistiche, della ViaMercatorum, di Oneta e del Cornello dei Tasso. A inizio filmato le foto di Burgarella che ritraggono monsignor Roncalli (un anno prima della nomina a cardinale) al Congresso eucaristico del 1952 a Zogno. Ecco così motivato anche il titolo del film: «Sono i primi passi del futuro Papa Giovanni, seguiti nel video dai passi dei ragazzi sulla Via Mercatorum – spiega Arzuffi –.

Mentre montavano le scene gli stessi studenti hanno pensato che quell’itinerario aveva qualcosa di religioso». Da qui il collegamento con le foto di monsignor Roncalli e l’idea di farne dono al Papa. A inizio di quest’anno il video, reso possibile anche grazie al contributo dell’Associazione genitori dell’Alberghiero presieduto da Hector Pavesi, è stato premiato dalla e ora si appresta ad essere consegnato nelle mani di Papa Francesco. Così nell’introduzione si ricorda la figura di monsignor Roncalli e il legame con la Val Brembana: «Aspetti poco noti della vita di Papa Giovanni diventano, a generazioni di distanza, significativi e cari per il nostro territorio».

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo

Alberghi, Ristoranti e AppartamentiFotografie Camerata CornelloEscursioniManifestazioniCartoline anticheIl Borgo del Cornello dei TassoIl Borgo del BrettoMuseo dei Tasso