– L’amministrazione comunale di San Pellegrino oggi, alle 10, premierà con una Medaglia d’onore i concittadini internati nei lager nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Durante la cerimonia, che si terrà al Tempio ai Caduti, in collaborazione con l’Associazione combattenti e reduci, i in congedo e gli , riceveranno il riconoscimento Alessio Bianchi, Mario Bombardieri, Geremia , Ettore Pellegrini, Bernardo Sonzogni (classe 1922) e Bernardo Sonzogni (classe 1924), Giacomo Sonzogni e Paziente Sonzogni, quindi i familiari e i parenti di Francesco , Francesco Consonni, Mauro Diliddo, Angelo , Angelo Giupponi, Antonio Giupponi, Renzo Licini, Domenico Milesi, Mario Milesi, Antonio Pellegrinelli, Rodolfo Pellegrinon, Lorenzo Pesenti, Giovanni Battista Salvi, Lidio Sonzogni e Tranquillo Sonzogni. Sette, invece, saranno le Medaglie d’oro per premiare altrettanti cittadini di Sedrina che hanno trascorso un periodo di prigionia.

Oggi, alle 11,30, l’amministrazione comunale di Sedrina consegnerà una medaglia d’oro conferita dall’Associazione nazionale reduci dalla prigionia dall’internamento della Guerra di Liberazione. Alla cerimonia saranno presenti anche gli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado, che potranno ascoltare testimonianze dirette di prigionia dalla viva voce di quattro reduci sedrinesi: Raffaele Carminati, Giuseppe Genuessi, Alessandro Pesenti e Francesco Tironi. Tre delle sette Medaglie d’oro verranno invece consegnate «alla memoria» dal vicesindaco Orfeo Damiani ai familiari di Giovanni Bonzi, Enrico Busi e Giovanni Rota. La biblioteca, in occasione della cerimonia, allestirà una mostra di volumi sui Gulag e sulla Shoah, con diari di sopravvissuti ai lager e testi sull’ebraismo e sul nazismo. Sarà possibile anche consultare le dell’esperienza di gemellaggio tra Sedrina e il paese polacco di Deblin, dove migliaia di militari italiani furono deportati e uccisi nel campo di sterminio di Majdanek, a un paio di chilometri dalla città di Lublino.

L’assessorato alla Cultura del Comune di Sedrina e la commissione Cultura organizzano, invece, per venerdì, alle 20.30, la proiezione del film «La masseria delle allodole» dei fratelli Taviani, tratto dall’omonimo romanzo di Antonia Arslan, che narra le vicende di una famiglia all’epoca del genocidio del popolo armeno. La proiezione è in programma nel «Giardino d’inverno» dell’asilo. Ingresso libero.

L’Eco di Bergamo