Il vento che avrebbe dovuto far funzionare le pale eoliche del passo San Marco sta spazzando via parte dei dirigenti della provincia valtellinese.

Il discusso progetto che prevedeva la realizzazione di quattro pale eoliche sulle tra e Sondrio è stato oggetto di un’indagine della Guardia di Finanza di Sondrio, che nella notte ha eseguito sette ordinanze di custodia cautelare.

Gli arrestati sono nomi di spicco della politica valtellinese come Silvano Passamonti, presidente della di Morbegno, Luca Spagnolatti, direttore di Eventi Valtellinesi, Salvatore Marra, direttore generale della Cm, e l’ex sindaco di Cercino Renzo Barona.

Sono accusati di peculato, truffa aggravata ai danni della e concussione di decine di proprietari terrieri del Comune di Cercino. Tutto gira attorno alla società “Eventi valtellinesi”, controllata dalla comunità montana di Morbegno.

Secondo il Gip è una società “bancomat” “destinata a soddisfare le esigenze private di taluno degli arrestati – si legge nel comunicato della Finanza -, in particolare dell’attuale presidente della Comunità Montana di Morbegno e di un ex assessore alla Protezione Civile della Comunità Montana di Sondrio, nonché amministratore della Eventi. I due, coadiuvati da numerosi dipendenti della Comunità Montana morbegnese che hanno realizzato diverse condotte illecite, hanno utilizzato i fondi pervenuti a Eventi valtellinesi per le finalità più varie, ma tutte dirette a drenare liquidità monetarie. Sono state così prelevate somme per decine di migliaia di euro motivandole quale “premio produzione”, nonostante la società sia stata costantemente in precaria situazione finanziaria. Sono state aperte polizze assicurative vita e infortuni, pagate con i soldi della società, ma di cui sono stati nominati beneficiari le due citate.

Per mezzo di carte di credito e bancomat da Eventi sono state pagate numerosissime cene ad amici e parenti sia in sia sul lago di Garda; a Napoli, sono state acquistate cravatte Marinella, sono stati pagati “viaggi turistici” a Innsbruck, soggiorni in vari, acquisto di cioccolato svizzero e cesti natalizi”.

Poi entra in gioco il parco . “Eventi è stata utilizzata come soggetto che ha permesso di far emettere fatture per operazioni inesistenti da presentare alla Regione Lombardia per ottenere rimborsi e pubblici per centinaia di migliaia di euro. Così, sono state “gonfiate” le spese per manifestazioni celebrative della Protezione Civile che si sono svolte a Morbegno nel 2007. Poi, nella contabilità della società sono state rinvenute tracce di flussi finanziari riconducibili ad una società creata ad hoc per produrre studi in vista di un fantomatico progetto finalizzato all’installazione d’impianti eolici su . Detta società è stata costituita con l’utilizzo di prestanome, ma con soldi personalmente erogati dal presidente della Comunità Montana Morbegnese. Le fatturazioni degli studi, in realtà inesistenti, hanno permesso l’incasso di circa 50.000 euro cui ha fatto seguito un veloce prelievo in contanti e la chiusura della impresa”.

http://forum.valbrembanaweb.com/sviluppo-energie-sostenibili-valle-brembana-f56/passo-san-marco-impianti-eolici-t1250-324.html