Variante di Zogno, manca il progetto La conclusione dei lavori slitta ancora

Zogno Non commentato »

Zogno – La consegna della documentazione era prevista per il 28 febbraio. Ora oltre ai possibili ritardi sul termine dei lavori, sono previsti ulteriori extracosti. La luce infondo al tunnel è ancora lontana. E a farne le spese saranno ancora i cittadini e le imprese della Val Brembana che per vedere completata la Variante di Zogno dovranno aspettare ancora molto. Quanto a questo punto diventa anche complicato da ipotizzare, perché a mancare è addirittura il progetto definitivo dell’opera. Gli stati generali sull’avanzamento della pratica si sono tenuti al Pirellone lo scorso 31 marzo, riunione al quale hanno preso parte i tecnici di Provincia di Bergamo, i rappresentanti di Regione Lombardia, Lombardia Infrastrutture e l’assessore delegato ai Lavori Pubblici del Comune di Zogno. Durante la riunione si è appreso che la Provincia non aveva ancora consegnato la progettazione definitiva, nonostante lo schema di convenzione del dicembre scorso indicasse come termine massimo di consegna il 28 febbraio 2016. «Un ritardo – sottolinea il consigliere provinciale di minoranza, Gianfranco Masper-, imputabile alla mancata redazione da parte della Provincia della documentazione del rischio incendio e del piano di emergenza ed evacuazione». La documentazione per la quale la Regione aveva erogato i fondi (disponibili già nell’esercizio 2015) e necessari all’affidamento esterno della consulenza specialistica non sono mai stati impegnati da Via Tasso (il termine era il 15 aprile scorso), a causa di «lungaggini amministrative e burocratiche interne alla Provincia».

CONTINUA ARTICOLO »

Acqua Bracca, l’acqua della Salute

Bracca Non commentato »

braccaBracca – La salute viaggia su 2 milioni di etichette di bottiglie di Acqua Bracca dedicate alla prevenzione delle malattie da Trombosi in occasione della 5° Giornata Nazionale per la Lotta alla Trombosi organizzata da ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari ONLUS per MERCOLEDÌ 13 APRILE. Eventi e incontri in molte città in Italia per proteggere milioni di persone da malattie evitabili come Infarto, Ictus, Embolia, Trombosi delle vene e delle arterie. Perché una giornata contro la Trombosi? Perché le malattie da Trombosi colpiscono il doppio dei tumori ma possono essere evitare almeno 1 caso su 3.

CONTINUA ARTICOLO »

Acqua made in Italy, Sanpellegrino più venduta all’estero che in Italia

San Pellegrino Terme Non commentato »

sanpellegrino-waterSan Pellegrino Terme – Sanpellegrino più frizzante sui mercati internazionali. Nel 2015 il gruppo dell’acqua minerale made in Italy ha raggiunto il record del fatturato sui mercati esteri: il 52% pari a 474 milioni. Il record è stato reso possibile da un balzo del giro d’affari oltrefrontiera del 25,4%. Nel 2015 il gruppo Sanpellegrino ha registrato una crescita complessiva delle vendite del 12,4% a 911 milioni (bilancio civilistico). Le vendite all’estero (in 145 Paesi) delle acque minerali S.Pellegrino, di Acqua Panna e delle bibite si sono attestate a 1,47 miliardi di bottiglie. «Sono dati record che otteniamo grazie al processo d’internazionalizzazione» ribadisce Stefano Agostini, amministratore delegato del gruppo Sanpellegrino. A questi dati si aggiungono i risultati conseguiti sul mercato italiano che, secondo l’azienda controllata dalla Nestlé, confermano le prestazioni positive del 2014. L’azienda non fornisce la variazione complessiva, ma si limita a specificare che è risultato trainante il marchio Levissima con una crescita del 9%.

CONTINUA ARTICOLO »

Maroni: 8 milioni per rilancio di San Pellegrino Terme

San Pellegrino Terme Non commentato »

San Pellegrino Terme – “Sono molto soddisfatto per questa decisione di integrazione dell’Accordo di programma. Nella prima settimana di febbraio torneremo a San Pellegrino Terme, faremo una seduta di Giunta regionale e formalizzeremo l’AdP”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, intervenendo alla presentazione dei contenuti dell’atto integrativo all’accordo di programma di San Pellegrino Terme (Bergamo). All’incontro, nella sala consiliare del Comune, hanno partecipato anche l’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Claudia Maria Terzi, e il sottosegretario di Regione Lombardia ai Rapporti con il Consiglio regionale, Politiche per la Montagna, Macroregione alpina (Eusalp), Quattro motori per l’Europa e Programmazione negoziata Ugo Parolo. Presenti, oltre al sindaco di San Pellegrino Vittorio Milesi, i primi cittadini dei Comuni della Val Brembana e Gianluca Spinelli, Project Manager Gruppo Percassi.

CONTINUA ARTICOLO »