trabuchelloIsola di Fondra – Centralina idroelettrica sul fiume? No, grazie. Sarà realizzata direttamente sull’acquedotto comunale. «Senza nessun , con l’acqua utilizzata per far girare la turbina che tornerà subito nelle condotte dell’acquedotto», dice il sindaco Giovanni Berera. cerca così di andare controcorrente al boom di centraline idroelettriche sui torrenti. Impianti che stanno nascendo sui corsi d’acqua ma stanno sollevando più di un dubbio sull’impatto ambientale provocato, a iniziare dal prelievo di acqua.

Richieste quasi sempre di società private, da a , da Valtorta a San , e spesso pure in concorrenza tra loro. Il progetto del piccolo Comune dell’alta è già pronto, realizzato da una società di Trento, e interesserà l’acquedotto che, sfruttando due sorgenti della valle di Pietra Quadra, rifornisce la frazione di Trabuchello. Siamo alla gara d’appalto per i lavori che potrebbero iniziare tra fine giugno e inizio luglio. «Ma, innanzitutto dovremo sistemare le condutture – spiega il sindaco Berera –. La rete che rifornisce Trabuchello è ormai vecchia, risale a una quarantina di anni fa. Prende acqua da due sorgenti e dispone di un bacino di accumulo per i periodi di siccità. Ci sono diverse perdite sulla rete, quindi, per evitare problemi di approvvigionamento nei periodi di maggiore secca il primo intervento da fare sarà quello di sostituire le tubazioni danneggiate». Dopodiché si provvederà alla realizzazione della centralina. «La turbina verrà installata appena a monte del bacino di accumulo – prosegue il sindaco – e sarà praticamente interrata, quindi senza alcun impatto ambientale. Prenderà acqua dall’acquedotto rilasciandola di nuovo nelle tubazioni. Poco distante sarà realizzata la cabina Enel. L’energia elettrica prodotto, infatti, sarà ceduta all’azienda di
Stato».

Il costo dell’intera operazione è di 620 mila euro, tra progettazione, sistemazione della rete e costruzione della centralina idroelettrica. «I fondi arriveranno dal Bim, un contributo che dovremo restituire in 12 anni, e dall’avanzo di amministrazione – prosegue il primo cittadino –. Ma con ciò che guadagneremo grazie alla centralina dovremmo riuscire ad ammortizzare il prestito del Bim in circa sette-otto anni». «Stiamo procedendo alle gare d’appalto per i lavori – continua il sindaco Berera – e a breve consegneremo i lavori. Per l’autunno, quindi, la turbina potrebbe iniziare già a girare, consentendo al Comune di incamerare i primi guadagni». Un impianto simile, ovvero installato direttamente sull’acquedotto anziché nei corsi d’acqua, sempre in Valle Brembana, è attivo da alcuni anni a . Esempio di come si possa sì produrre energia pulita ed ecosostenibile senza disseminare torrenti e fiumi di nuovi impianti.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo