I Route 69 si fanno strada. Il gruppo di , dall’anima rock elettrificata stile anni Settanta, ha passato i quarti di finale di «Emergenti» su Tv, strappando le preferenze di televoto e giurati. Il pubblico in studio ha apprezzato il cantautorato impegnato de La Folkeria. Per i Route 69 la vittoria è stata un sospiro di sollievo. Sospiro che ad inizio trasmissione era trattenuto dalla pressione delle telecamere e dall’assillo dei tempi stretti.

Nicola Rondi, cantante dei Route 69, ammette di avere avuto mille pensieri per la testa quando le luci rosse della diretta si sono accese su di loro. Non è avvezzo alla televisione e la preoccupazione principale era riuscire a trasmettere nel tempo di soli due pezzi l’essenza del gruppo. E qual è? «La voglia di libertà», ammette. Spirito che si respira nella loro canzone Your eyes, il cui senso è il desiderio disperato di guardare la vita con gli occhi di un folle, sganciato da costrizioni formali.

Come cover il gruppo della Val ha scelto un pezzo miliare del rock, Jumpin’ Jack Flash dei Rolling Stones. L’energia della loro musica si sente, è palpitante. Nicola Rondi ha voce, mimica e movenze espressive graffianti, che diventano più incisive nel bis di rito della vittoria, che sancisce il loro passaggio nella rosa dei semifinalisti. «Esibirsi in televisione è una bella vetrina. Non so come terminerà questa esperienza, ma siamo già soddisfatti per questo risultato. Avendo passato i quarti di finale parteciperemo a Emergenti in tour. Ottima opportunità. Ciò che più interessa a un gruppo è suonare vicino alla gente, per trasmettere emozione», continua Rondi.

Per nulla tesi, anzi divertiti, i The Bondage. Il quintetto della Val Seriana si è distinto per originalità e spontaneità. Si sono presentati camuffati. Chi aveva baffi finti, chi, come il cantante Andrea Gelmi, indossava una parrucca. Musica rock, venata di funky, testi dal doppio senso, il loro intento è osare e provocare. Non hanno passato il turno, ma la capacità di reggere il palco non manca. Gelmi è istrionico. Al momento del verdetto non ha trattenuto l’amarezza e, con simpatia, ha ammesso di provare «un tale dispiacere, da strapparsi i capelli», togliendosi il parrucchino.

Scene e interventi che hanno riempito lo spazio televisivo colorandolo di un’ulteriore dose di simpatia. L’edizione 2011 di «Emergenti» presenta un che di frizzante. La volta scorsa l’ironia dei Cornoltis, ora The Bondage. E la prossima puntata? Domenica alle 14,30 – sempre su Bergamo tv e Bergamo Sat 950 – con i modenesi Mechanical Swan, Fail e Royal Garden.

Daniela Morandi – L’Eco di Bergamo