Ok alla legge che riconosce anche in Lombardia l’albergo diffuso. Nel borgo brembano di il modello funziona già dallo scorso maggio. – In termine tecnico si chiama «albergo diffuso» o «orizzontale». Più concretamente si tratta di un costituito da un’unica reception e un ristorante con le camere dislocate non in una sola palazzina, bensì in luoghi diversi, in appartamenti distribuiti in un borgo storico o anche nelle baite. Una modalità di ospitalità nata nel Friuli negli Anni ’80, poi diffusa in altre regioni italiane. E da pochi giorni un modello di ospitalità riconosciuto ufficialmente anche dalla Regione Lombardia che ha approvato una legge «ad hoc».


Nella nostra provincia un progetto di tal genere è già avviato dallo scorso maggio a Ornica, in alta Brembana, grazie alla cooperativa «Le donne di montagna» guidata da Cinzia Balestra, di Lenna, e di cui fa parte anche l’amministrazione comunale. Un progetto ben avviato, inserito nel più ampio progetto dell’Ecomuseo , che, stando ai protagonisti, funziona. C’è un ufficio turistico dell’Ecomuseo che funge anche da reception alberghiera nel , quindi le camere dislocate in vecchie private o del Comune e poi in tre baite recuperate e sopra il borgo. E la sala pranzo per gli ospiti è unica nel ristorante convenzionato. Questo è l’albergo diffuso di Ornica (www.albergodiffusoornica.it) avviato grazie allo spirito imprenditoriale di Quarteroni, titolare dell’omonimo di Lenna, all’impegno di una ventina di donne del paese e grazie all’appoggio del Comune che con la brillante idea ecomuseale sta coinvolgendo l’interà comunità per il rilancio della piccola località brembana.

Un modello di ospitalità diffusa che ha cercato di recuperare antiche abitazioni magari chiuse da anni e abbandonate (oggi chiamate Ca’ del Cirillo, Ca’ di Giustì, Ca’ di Tolae, per esempio) o baite un tempo adibite ai contadini. Qui sono state ricavate le camere per gli ospiti che poi possono pranzare e cenare al ristorante del paese. Un progetto per certi aspetti innovativo proprio perché legato al territorio: l’albergo diffuso di Ornica è soprattutto un modo per coinvolgere il paese nello e il turista nella vita del paese, tra tradizioni contadine e antiche abitudini.

«Dopo quasi un anno dall’avvio del progetto – spiega il sindaco Gino Quarteroni – non possiamo che essere soddisfatti. Le presenze sono state incoraggianti, sono stati fatti diversi investimenti, l’entusiasmo nella cooperativa, seppure tra le difficoltà, non manca. Quindi siamo assolutamente contenti dell’approvazione della legge arrivata dalla Regione Lombardia, perché rappresenta anche un riconoscimento della bontà del lavoro svolto in questi mesi. Ringraziamo il consigliere Giosué Frosio e quanti hanno contribuito a questo traguardo. Ora, l’auspicio, è che la legge porti anche finanziamenti». E un albergo diffuso è in corso di progettazione anche a Corna Imagna, per iniziativa del Comune, con il coinvolgimento delle vecchie case di pietra delle contrade.

L’Eco di Bergamo

www.albergodiffusoornica.it/ – www.ospitalita-diffusa.com/ – www.borgorurale.com/

Hotel, Alberghi e Appartamenti Ornica
Fotografie immagini di Ornica
Escursioni sentieri in Ornica e dintorni