San Pellegrino Terme – Otto milioni di euro da investire su . L’incontro tra Comune e Regione a Palazzo Lombardia, con il sottosegretario delegato alle Politiche per la , Ugo Parolo, è stato più che proficuo. Ad anticipare le mosse era stato il governatore lombardo Roberto Maroni, in visita a Zogno, incontro nel quale aveva già fatto presente – anche al - la volontà del Pirellone di continuare ad investire sulla Città dell’Acqua. Volontà poi confermata proprio nell’incontro di lunedì 30 novembre con l’integrazione dell’accordo di programma tra le parti.

Via libera, quindi, con assoluta priorità, al recupero della Funicolare della Vetta e del parco turistico connesso, con l’appalto pronto entro fine dicembre e lavori al via già nella seconda metà del prossimo anno. «Per questo intervento sarà utilizzato gran parte del contributo regionale -5 milioni di euro per la precisione-, al quale si aggiungeranno ulteriori 200mila euro di risorse proprie del Comune – ha spiegato il sindaco del Comune di San Pellegrino Terme, Vittorio Milesi-. I restanti 3 milioni, invece, saranno destinati al parziale recupero del . Le risorse regionali, così ripartite, consentiranno una adeguata valorizzazione delle strutture in questione, nell’ambito di un quadro complessivo di azioni finalizzate al rilancio e allo sviluppo di San Pellegrino Terme e – più in generale- di tutta la », ha sottolineato il sindaco Milesi.

«Risorse, queste, che la Regione ha deciso di mantenere in considerazione dei positivi risultati conseguiti dall’accordo di programma – ha precisato il sottosegretario Parolo -, ma originariamente destinate all’acquisto del nuovo centro termale da parte del Comune di San Pellegrino». Proprio l’operatore privato, infatti, ha comunicato formalmente di non voler più cedere il centro termale al Comune, in quanto il costo complessivo dell’intervento ha superato i 16 milioni, arrivando a 23 milioni di euro. Un investimento maggiore, che tuttavia ha consentito di realizzare un progetto di recupero di notevole pregio, che ha reso il nuovo centro termale un vero elemento di attrattività per il territorio, facendo registrare circa 100mila presenze nell’arco del primo anno. In attesa, quindi, dell’ulteriore modifica dell’Accordo tra Comune e Operatore privato, in relazione all’acquisizione dell’area Paradiso, dell’Hotel Vetta e Grand Hotel, si procederà ad attivare l’iter dell’Adp vigente con la promozione del terzo Atto integrativo, che dovrà essere oggetto di apposita delibera di Giunta regionale.

Hotel, Alberghi e Appartamenti San Pellegrino Terme  Fotografie San Pellegrino Terme
Escursioni  Manifestazioni  I Tesori del Liberty  Cartoline antiche