Serina: fino a domenica la festa dell’associazione che aiuta gli allevatori della Valle Alla guida un operaio, Franco Locatelli: «Un impegno a vantaggio di tutta la montagna». Trent’anni di attività a difesa dell’agricoltura di montagna e degli allevatori. Da oggi a domenica l’Associazione manifestazioni agricole e zootecniche di Val Serina festeggia i 30 anni di fondazione. In programma una serie di iniziative tra concorsi, serate gastronomiche e folcloriche e, domenica, la Giornata del Ringraziamento della montagna bergamasca, a cura della Coldiretti. L’associazione, al momento della costituzione, ereditò l’impegno di chi, dagli Anni Venti, organizzava la Fiera zootecnica di Serina: già nel 1922 i capi in concorso erano 300 che diventarono 500 nel 1930 e 550 nel 1932. Tuttora sono presenti in valle circa 900 capi.

Osserva Guerino Belotti, che è stato presidente dell’associazione dal 1987 al 2003: «Fino al 1928 le manifestazioni furono organizzate da gruppi di allevatori locali e furono itineranti nei Comuni della valle. In quell’anno l’appuntamento venne definitivamente collocato a Serina. La nostra fiera era rinomata soprattutto per i tori provenienti dalla Svizzera che venivano venduti su tutto il territorio nazionale».

L’Associazione nacque il 25 novembre 1977. «Aderirono numerose aziende vallari e i Comuni di Serina, Cornalba, Oltre il Colle e Aviatico – spiega Franco Locatelli, presidente dal 2003 –. Lo statuto fu redatto da Gerolamo Palazzi di Oltre il Colle e il primo presidente fu Onofrio Minotti». Si partì, quindi, con rinnovato entusiasmo, organizzando la rassegna zootecnica, gite-studio per la formazione e costituendo il Gruppo donne rurali per la promozione della produzione casearia in ambito turistico. A guidare oggi l’associazione è Franco Locatelli, 52 anni, di Serina, operaio. E con lui ci sono altri «non allevatori» come il vice Carlo Faggioli e il segretario Fabrizio Berbenni.

«Per aiutare un settore che resta fondamentale per lo sviluppo economico e turistico della valle – dice Locatelli – non è importante essere allevatori. Così ci siamo messi in prima fila in questo impegno. In un periodo in cui l’agricoltura di montagna è in difficoltà, il nostro aiuto è rivolto al sostegno degli allevatori e a tutte quelle iniziative che servono alla valorizzazione dei loro prodotti». Del Consiglio di amministrazione fanno parte anche i consiglieri Ermanno Minossi, Giovanni Carrara, Pierluigi Carrara, Tullio Carrara, tutti di Serina, da Ausilia Carrara, Narciso Cantini, Lorenzo Cuter di Aviatico, da Piermario Cortinovis di Costa Serina e da Luca Rizzi di Oltre il Colle.

Sergio Tiraboschi – L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi e Appartamenti a SerinaFotografie immagini di Serina