Brembilla – Sarà inaugurato ufficialmente oggi pomeriggio il terzo piano del Ricovero Santa Maria di , aperto a dicembre dell’anno scorso e che aumenta di altri 12 posti letto la capacità della struttura. La cerimonia di inaugurazione è programmata per le 15 e prevede la Messa (alla quale sono stati invitati diversi preti del vicariato e le autorità della valle), quindi la benedizione della nuova ala e il tradizionale taglio del nastro, infine un rinfresco aperto a tutti.

Aperto a fine 2010
«Nel mese di dicembre dello scorso anno abbiamo aperto il nuovo nucleo posto al terzo piano dell’edificio – spiega il direttore della casa di riposo, Fausto Carminati –. A livello strutturale esisteva già da tempo, ma abbiamo dovuto fare alcune piccole modifiche che ci sono state richieste dai funzionari dell’Asl in sede di sopralluogo per avere l’autorizzazione al funzionamento. Quindi si è proceduto all’acquisto degli arredi e degli ausili necessari, e infine abbiamo assunto personale con qualifica asa (ausiliare socio assistenziale) e oss (operatore socio sanitario), oltre ovviamente a quello medico e infermieristico».

Altri 12 posti letto
«Il nuovo nucleo al terzo piano – continua Carminati – è composto da 12 posti letto, autorizzati dalla Regione Lombardia, per soddisfare le esigenze della popolazione del territorio. Due di questi posti saranno messi a disposizione dell’ufficio di piano della . Il servizio vuole prioritariamente risolvere necessità di assistenze temporanee che insorgono per mancanza occasionale di parenti che a questa provvedono ordinariamente, oppure per riabilitazione o convalescenza dopo un evento patologico acuto qualora il percorso riabilitativo non possa essere effettuato al domicilio del paziente».

I servizi principali
I nuovi posti letto serviranno anche per il «sollievo» alle famiglie del territorio, l’accoglienza di pazienti anziani in fase terminale, le dimissioni protette da ospedali di persone che per motivi di salute non possono ritornare al proprio domicilio. «La realizzazione di questo progetto – conclude il direttore Carminati – è stata possibile grazie all’aiuto di monsignor Giulio Gabanelli, di Anna Maria Polli Stoppani e dell’ingegnere Mario ». Aggiunge l’animatrice Milena Rota, a nome dello staff della struttura: «Un grazie per tutto questo va al presidente don Angelo Vigani, al direttore Fausto Carminati, al direttore sanitario Giancarlo Capelli, a tutto il personale e ai volontari che da più di dieci anni collaborano affinché i nostri ospiti abbiano una degenza serena».

Silvia Salvi – L’Eco di

Alberghi, ristoranti e Appartamenti BrembillaFotografie Brembilla
EscursioniManifestazioniCartoline antiche