Bracca, dopo dieci anni torna la parrucchiera
L’ultimo locale chiuse nella frazione Bruga. Quella di Sonia Brozzoni è la prima del capoluogo. A Bracca si torna a tagliare i capelli, a fare tinte, colpi di sole, e messe in piega.
Dopo almeno dieci anni di assenza ha aperto un parrucchiere uomo-donna. E, per l’avvio del servizio, un po’ di paese ha fatto festa insieme a Sonia Brozzoni, 20 anni, di di Costa , titolare di “Extreme Line”, il suo nuovo negozio aperto in via Dentella, là dove, anni fa, c’era una merceria.


L’apertura di una nuova attività commerciale, insomma, a Bracca, piccolo centro della Val Serina con circa 800 anime, è diventata un po’ un evento: qui, d’altronde, non ci sono edicole e negozi di abbigliamento, c’è un solo alimentari, e bar e ristoranti si contano sulle dita di una mano. Ed erano almeno 30 anni – dice il sindaco Omar Berlendis – che da queste parti non si assisteva all’apertura di un nuovo negozio. Così nei giorni scorsi Sonia e il fidanzato Matteo Fanti, trentenne del paese, hanno organizzato una festa di inaugurazione. E i giovani non si sono fatti attendere. D’altronde – dice Matteo, impiegato alla di e ora “aiutante” nel tempo libero nel negozio della fidanzata – la maggior parte di noi giovani finora scendeva fino a o saliva a San Pellegrino per il taglio dei capelli. Quindi l’apertura del servizio, proprio fuori casa, non può che fare piacere a tanti».

Per la verità sul territorio comunale di Bracca un parrucchiere è già aperto da anni, ma si trova sulla strada provinciale di fondovalle, in località Ponte Merlo, a circa tre chilometri. Di fatto è più vicino al municipio di Algua. E su a Bracca, addirittura, qualcuno considera il parrucchiere come il primo nella storia del capoluogo visto che quello in attività una decina di anni orsono si trovava nella frazione Bruga, a qualche centinaio di metri dal centro. Sonia, per un anno e mezzo la lavorato da una parrucchiera di San Pellegrino. Ora il grande salto, sia per l’età – è ancora ventenne – sia per la «location» in cui ha aperto. Se devo dire la verità sono stata spronata da mio padre – dice – altrimenti, probabilmente, non mi sarei lanciata in quest’avventura. È vero, è un po’ rischioso, perché siamo in un paesino di . Ma tra la clientela che si è affezionata durante il lavoro a San Pellegrino e quanti già conosco qui a Bracca, dovrei riuscire ad andare avanti. E i primi giorni (il negozio ha aperto il 1° agosto, ndr) sono stati incoraggianti. Penso anche che il servizio sarà gradito, oltre che dai giovani, dalle signore o dai più anziani che magari non avevano l’auto per poter scendere a valle.

L’Eco di Bergamo 8 Agosto 2007

Fotografie e immagini di Bracca in Valserina
Bibliografia, libri e volumi su Bracca