Zogno – Ex strada statale 470 a troppo rumorosa. Oltre i limiti di legge anche di notte. Il dato emerge dal piano di zonizzazione acustica, adottato nell’ultima seduta del Consiglio comunale di , e necessario nell’ambito del Piano di governo del territorio in via di stesura. La delibera proposta dalla giunta è stata presentata all’assemblea consigliare dal vicesindaco Giampaolo Pesenti, coordinatore dell’iter. «L’inquinamento acustico – ha affermato Pesenti –è problema sempre più evidente cui l’amministrazione è tenuta a far fronte contenendolo nella gravità, meglio ancora laddove è possibile prevenirlo.

Ecco dunque il piano di zonizzazione dal quale l’amministrazione trae le indicazioni necessarie per intervenire e come prescrive la legge pure in tema di inquinamento acustico». La relazione dell’assessore è stata corredata dalla presentazione della proposta di piano elaborata dal tecnico Roberto Tizzone sulla scorta dei risultati dell’indagine condotta nel secondo semestre dello scorso anno su incarico dell’amministrazione comunale. Particolarmente significativo il dato riferito alla situazione acustica rilevata sull’asse della strada ex statale 470 di dove i limiti di inquinamento acustico risultano oltre i limiti di legge anche nelle ore notturne, causa abbastanza facilmente identificabile nell’intensità del traffico che la percorre, mediamente 23 mila veicoli nelle 24 ore.

Una situazione limite, è stato osservato, che rientrerà nei parametri di legge con la realizzazione della variante stradale i cui lavori dovrebbero essere ormai prossimi all’inizio. A variante in galleria ultimata si scenderebbe a circa 7.000 veicoli al giorno. Tornando al piano: la legge prescrive una zonizzazione in sei classi, da una prima di «zona protetta» a inquinamento acustico pressoché azzerato a una sesta per zone con presenza prettamente industriale che a Zogno non esiste. Per cui il documento di piano prevede cinque classi, ciascuna con specifici livelli di rumore controllati attraverso eventuali rilevazioni dell’Arpa o agenzie accreditate dall’Amministrazione comunale competente per l’assunzione delle misure del caso.

C’è stata una richiesta di chiarimenti del capogruppo di «Zogno democratica» Roberto Fustinoni cui ha fatto seguito un commento del sindaco Giuliano Ghisalberti nel quale è stata sottolineata la valenza di questo nuovo passo verso l’adozione del Pgt. Quindi si è passati alla votazione con approvazione unanime del documento. Ora dovranno trascorrere i tempi prescritti per legge delle osservazioni e quindi si passerà all’approvazione che avverrà contemporaneamente a quella del Piano di governo del territorio.

Sergio Tiraboschi – L’Eco di

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana