Sedrina – Un paio di mesi di lavori e dopo le festività pasquali la Valle Brembana avrà un nuovo ufficio informativo e di accoglienza turistica. Sorgerà a la nuova sede Iat della Valle Brembana che andrà a sostituire quella operativa da circa vent’anni a .

All’imbocco della valle Brembana
«Una posizione strategica all’imbocco della valle – spiega , assessore al Turismo e vicepresidente della Comunità montana – che consentirà ai turisti di orientarsi meglio tra le opportunità offerte dal territorio. La variante di San Pellegrino Terme ha di fatto spostato lo storico ufficio Iat dall’asse centrale della valle: l’80% dei turisti che salgono in alta valle non sarà più costretto a passare dal centro abitato della cittadina termale dove l’ufficio Iat è sempre meno utilizzato, come dimostra il forte calo degli utenti».

La Comunità montana ha deciso di rilocalizzare l’ufficio informazioni prima delle diramazioni per le valli Brembilla e Serina, e della futura variante di Zogno. Il nuovo ufficio Iat sorgerà all’ingresso del paese, nell’attuale sede degli alpini. «La nuova sede sarà molto visibile e facilmente raggiungibile anche grazie ad una segnaletica adeguata – precisa Fattori –. Verrà realizzato un nuovo accesso stradale diretto, a lato del viadotto, e saranno ricavati 15 nuovi parcheggi a sosta breve, per auto e autobus turistici».

Inaugurazione in maggio
I lavori, appaltati alla ditta «Ghisalberti Felice» di Zogno, inizieranno la prossima settimana. Il progetto, redatto dall’architetto Marco Locatelli di Villa d’Almè, ha un costo complessivo di circa 65 mila euro. «L’intervento – precisa Fattori – sarà finanziato con risorse proprie di bilancio per circa 40 mila euro, mentre per i restanti 25 mila euro saranno utilizzati i contributi della 25 a favore dei paesi di montagna. Al Comune di Sedrina resteranno in carico le spese di manutenzione dell’edificio e le diverse utenze». Il nuovo spazio (due volte lo Iat di San Pellegrino) da maggio accoglierà i turisti. Un’ampia area esterna potrà anche ospitare stand di associazioni locali, eventi e iniziative.

Lo Iat di San Pellegrino Terme
«La Comunità montana – conclude Fattori – si è impegnata a contribuire al mantenimento dello Iat di San Pellegrino, in sinergia con l’amministrazione comunale e la Provincia, nell’ottica del grande progetto di rilancio della località termale da parte di Comune, Provincia, Regione e Gruppo Percassi». «La nuova sede è un segnale importante nella direzione della – afferma Giorgio Bonassoli, assessore al Turismo della Provincia di Bergamo –. Va riconosciuto l’impegno della Comunità montana nel dare uno slancio a questo settore».

Gabriella Pellegrini – L’Eco di Bergamo