Senza guardrail e con gli ultimi cento metri da finire. Così la strada -Camanghè di , a ormai un anno dalla conclusione dei lavori, resta ancora chiusa. Motivo? Finora sono mancati i soldi (circa 450 mila euro) proprio per completare l’intervento. Ma dagli uffici del settore Viabilità della Provincia arrivano segnali positivi, seppure molto stringati: «La situazione si sta evolvendo positivamente», dicono. A quanto si è saputo i fondi mancanti dovrebbero metterceli Bim, Provincia e . La nuova strada, circa un chilometro, dovrà servire soprattutto l’istituto scolastico superiore Turoldo di Camanghè. Parte da Ambria, nei pressi dello svincolo per la Valle , e sale fino ai parcheggi davanti al .

Dopo un anno e mezzo di lavori, iniziati nel dicembre 2008 e conclusi la scorsa estate (costati finora un milione e 550 mila euro, con fondi di Provincia, Comune di Zogno e Valle ), la strada è ormai in dirittura d’arrivo. Ma per aprirla mancano guardrail e la realizzazione dell’ultimo tratto di carreggiata proprio davanti all’istituto scolastico e al centro sportivo: in pratica occorre trasformare in strada, con tutte le sicurezze del caso e la segnaletica, quello che ora è un parcheggio.

«Apritela, vergogna»

E poi manca anche un breve tracciato che unirà la nuova strada con i parcheggi a monte (nuovo tracciato che, comunque, non consentirà il collegamento diretto con ). Una volta conclusa, poi, la strada passerà di proprietà del Comune di Zogno. Sulla vicenda, intanto, il consigliere provinciale Vittorio (Lista Bettoni) ha presentato un’interpellanza chiedendo in particolare se «il progetto originario prevedeva la posa dei guardrail e i motivi che hanno determinato tale dimenticanza o non ne hanno consentito la posa». E sulla questione ha scritto al nostro giornale anche Matteo , di San , lamentando appunto i ritardi nell’apertura e quindi il protrarsi dei disagi per i pendolari: l’Ambria-Camanghè, infatti, consentirà di alleggerire il traffico sull’ex statale, togliendo in particolare i bus dalla . Sempre ricorda come ignoti, stanchi di vedere la strada chiusa, abbiano scritto «Apritela, vergogna» sull’asfalto. Poi cancellata da qualcuno.

«Apertura difficile a settembre»

«A breve dovrebbe esserci un incontro in Provincia», dice il sindaco di Zogno Giuliano Ghisalberti. L’assessore della Comunità montana Gianni Salvi conferma che «i fondi dovrebbero essere stati trovati, anche se difficilmente la strada potrà essere aperta da settembre».

L’Eco di Bergamo – Giovanni Ghisalberti

http://forum.valbrembanaweb.com/viabilita-valle-brembana-f89/ambria-zogno-t3372-27.html

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana