Dossena – Fa discutere l’ampliamento del fronte di cava di gesso a . Una discussione che inizia a dividere il paese: da un parte l’amministrazione comunale, convinta della bontà dell’operazione, dall’altra la minoranza in Consiglio comunale « noi ci siamo», spaccata al suo interno. Il capogruppo d’opposizione Daniele Consonni, infatti, in tema di cava segue i passi dell’amministrazione, mentre i consiglieri Stefano Omacini, Agostina Speranza e Felice Trionfini osteggiano la cava, e con loro . «Il paese non vuole questo intervento approvato da Comune ed enti superiori – dicono i consiglieri Omacini e Speranza –. Si tratta dell’estrazione di 1,4 milioni di metri cubi di gesso che stravolgerà il fronte di cava. Per significa una modifica notevole del paesaggio e dell’ambiente.

E avremo anche più mezzi pesanti sulla piccola provinciale che ci collega con San . È un’operazione che comporterà pochi benefici e tanti disagi». Un anno fa Legambiente Bergamo aveva scritto a Napolitano per contestare le autorizzazioni, chiedendo inoltre alla ditta estrattrice (la Holcim Italia) di fermare l’operazione, suggerendo alla di astenersi dall’esprimere il proprio parere e a Provincia e Comune di fermare il progetto. Poco dopo, invece, sono giunte le autorizzazione dalla , mentre a febbraio il Consiglio comunale ha approvato a maggioranza lo schema di convenzione tra Comune e Holcim, che porterà 40 mila euro annui dai diritti di escavazione dovuti per legge, più altri 70 mila euro annui che la ditta verserà nelle casse comunali. «Sono soldi necessari per i servizi sul territorio – sottolinea Franco , vicesindaco di Dossena –. Compito nostro in questa vicenda è il controllo. Non abbiamo voce in capitolo sull’autorizzazione, che compete a Regione e Provincia».

Legambiente, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato sul piano cave, settimana scorsa ha presentato agli enti preposti al controllo della cava di Dossena, una segnalazione di presunte irregolarità: «Abbiamo inviato a Provincia, Comunità montana, Forestale, polizia provinciale e Comune di Dossena una segnalazione su alcune irregolarità che secondo noi sarebbero state commesse durante la precedente attività di cava – spiega Giovanni Testa di Legambiente Bergamo – come aree scavate oltre i limiti previsti o la pericolosità dei lavori per l’equilibrio idrogeologico. Abbiamo chiesto un intervento urgente di verifica e una risposta precisa e dettagliata».

L’opposizione nel prossimo Consiglio comunale promette battaglia: «Chiediamo al capogruppo Consonni di fare un passo indietro, fuoriuscendo dal gruppo – prosegue Omacini –. La gente inizia ad avere dubbi sull’intervento alla cava». Consonni replica: «La cava occorre per garantire occupazione e soldi alle casse del Comune. Se vorranno, diventeranno consiglieri indipendenti, non ho intenzione di abbandonare questo gruppo creato da me. Sto già pensando a una lista di nuove per le prossime elezioni».

Massimo Pesenti – L’Eco di Bergamo

Agriturismo, Bed and Breakfast, appartamenti a Dossena – Fotografie immagini di Dossena – Escursioni sui sentieri di DossenaManifestazioni ed eventi a Dossena