La casa del futuro è a Zogno

Zogno Non commentato »

green houseZogno – Si è tenuta venerdì 3 luglio l’inaugurazione della Green House di Zogno, edificio a «impatto zero» simbolo e prototipo della bioedilizia sostenibile, nel quale si potranno sperimentare e applicare politiche innovative in campo tecnologico, ambientale e sociale. Lo «zero energy building», voluto dalla Comunità montana Valle Brembana, realizzato all’interno del più ampio progetto «Covenant of Mayors», sarà aperto al pubblico e a completa disposizione del territorio per usi di tipo formativo, culturale e didattico. Quindi, non solo un luogo di attrazione e sensibilizzazione destinato ai temi ambientali, energetici e di sostenibilità, ma anche ai caratteri propri della Val Brembana e più in generale di tutto il territorio bergamasco. La casa ecologica sarà inoltre destinata ai 38 Sindaci del Covenant, diventando così il nuovo centro d’incontro e di riferimento per tutte le Amministrazioni comunali della Val Brembana, con l’ambizione neanche troppo nascosta di esserlo anche per tutte le altre (sono 150 le Amministrazioni che hanno sottoscritto il Patto dei sindaci in Provincia di Bergamo). «L’idea è nata da un viaggio nel 2010 a Bruxelles nell’ambito del Covenant of Mayors ed effettuato insieme al consigliere del Comitato economico e sociale europeo Antonello Pezzini e l’ex sindaco di Brembilla Gianni Salvi – ha affermato il presidente della Comunità montana Alberto Mazzoleni-.

CONTINUA ARTICOLO »

Nature, Art & Habitat in Valtaleggio

Taleggio Non commentato »

foto credit_Mick Dalrymple_NAHR group 2015Taleggio – Nella verde cornice della Val Taleggio (BG), ha preso avvio da pochi giorni Nature, Art & Habitat (NAHR), programma di residenza estivo che raduna una decina di ricercatori multidisciplinari da tutto il mondo invitati all’osservazione, all’analisi, all’emulazione della natura. Il progetto di studio dedicato alla biodiversità dei luoghi trova il suo fondamento nell’immersione nella natura montana quale fonte di ispirazione creativa e si propone come modello eco-sistemico di ricerca e attività culturali capaci di rivelare il forte legame tra gli organismi viventi (essere umani, specie vegetali e animali) e lo sviluppo di principi sostenibili per una convivenza più resiliente. Gli obiettivi dell’iniziativa includono inoltre quello di stabilire un contatto diretto con le comunità locali, di attivare collaborazioni e di stabilire nuove relazioni partecipative e imprenditoriali attraverso l’ideazione di progetti bio-ispirati capaci di calamitare attenzione globale sia grazie alla partecipazione internazionale che alla sua divulgazione online.

Ideatrice del programma è l’arch. Ilaria Mazzoleni residente da circa 20 anni negli Stati Uniti e docente di biomimetica presso il Southern California Institute of Architecture (SCI-Arc) di Los Angeles: facendo spesso ritorno nella sua valle di origine e intuendo il vigore delle risorse naturali ha pensato di orientare la propria passione ed esperienza alla valorizzazione dei territori montani locali.

 

CONTINUA ARTICOLO »

A Zogno tutto lo sport scende in piazza

Zogno Non commentato »

sportZogno – In programma per il prossimo 23 maggio a Zogno la serata «Sport in Piazza», la nuova iniziativa organizzata dal Comune di Zogno che vede protagoniste per una notte le società e i gruppi sportivi cittadini del territorio. Oltre venti le discipline e le attività sportive che coinvolgeranno appassionati e curiosi durante questa vera e propria «Notte Bianca dello Sport», per una festa che si preannuncia ricca di partecipazione, agonismo e condivisione. Ma non solo, l’evento sarà anche una grande occasione di promozione e di visibilità per tutte le discipline sportive, con i tanti atleti che animeranno il centro storico per un’intera serata fatta di esibizioni, dimostrazioni, spettacoli ed intrattenimento. A tutti i partecipanti all’evento, gratuito ed aperto a tutti, sarà offerta la possibilità di diventare protagonisti della serata e cimentarsi con i propri sport preferiti e testare nuove discipline sportive, anche quelle meno conosciute. Dalle 17 alle 24, Zogno si trasformerà in una vera e propria palestra «a cielo aperto», nel quale si potrà giocare a calcetto, provare una gimcana in bicicletta e partecipare a tornei di pallavolo o rugby.

CONTINUA ARTICOLO »

Casinò di San Pellegrino Terme, voglia di tornare ai vecchi fasti

San Pellegrino Terme Non commentato »

casinoSan Pellegrino Terme (Bergamo), 24 aprile 2015 – Mobilitare il territorio per scuotere gli immobilismi e le resistenze di Roma. Il sindaco di San Pellegrino Terme, Vittorio Milesi, non arretra di un passo e conferma senza mezzi termini la sua convinzione: «Ogni progetto di rilancio della nostra cittadina non può prescindere dalla riapertura dello storico Casinò. Rivogliamo la casa da gioco». Quella che, all’inizio del secolo scorso, fu partecipe dei fasti della località brembana, frequentata da regine e aristocratici provenienti da mezza Europa, e che chiuse definitivamente i battenti, dopo alterne vicende, nel lontano 1946: aveva funzionato per meno di 40 anni (l’inaugurazione era avvenuta nel 1907) ma, tra gli appassionati del genere della prima metà del Novecento, si era trasformato in un autentico ed irrinunciabile punto di riferimento. Merito, senz’altro, anche delle vestigia nel più classico e magnifico stile liberty, firmato dall’architetto Romolo Squadrelli, tuttora visibili nella loro originaria bellezza. Un punto di forza che rende ancor più determinato il primo cittadino a perseguire il suo (e non solo suo) ambizioso disegno.

CONTINUA ARTICOLO »