Serina: con scoperte inedite su Palma il Vecchio

Serina Non commentato »

Serina – Jacopo Nigreti de Lavalle è il suo nome e la sua casa natale, secondo qualche buon indizio documentario, si trova nell’antica contrada dei Valle, collocata nella porzione settentrionale del territorio di Serina, in Val Brembana. Un nome e una località sconosciuti ai più, ma in realtà due informazioni che stanno alla base della biografia del pittore bergamasco comunemente conosciuto come Palma il Vecchio (Serina 1480 circa – Venezia 1528), uno fra i più celebrati protagonisti del Rinascimento pittorico veneziano. Frutto di un’accurata ricerca dello studioso serinese Roberto Belotti, pubblicata sulla nuova edizione dell’annuario «Quaderni Brembani» del Centro Storico Culturale Valle Brembana «Felice Riceputi» (che sarà presentato sabato, alle 15, al Museo della Valle di Zogno), questi e altri preziosissimi dati costituiscono una sorta di anticipazione di un’importante opera monografica dello stesso Roberto Belotti e di Silvana Milesi intitolata «Palma il Vecchio. La diligente tenerezza del colore» (Corponove Editrice) di imminente pubblicazione.

CONTINUA ARTICOLO »

Foppolo, in bicicletta e a piedi ricordando l’amico Mercorio

-La Valle Brembana Non commentato »

Cronoscalata-Branzi-FoppoloAlta Val Brembana – Si chiude un’estate inclemente per gli amatori della bici, ma sabato saranno ancora in tanti, e preparati, al via della quarta edizione del memorial Eugenio Mercorio, la cronoscalata Branzi-Foppolo intitolata da familiari e amici al commercialista spentosi il 24 settembre 2010, ad appena 51 anni. E chi sarà senza allenamento ci metterà il sentimento, come recita la poesia del 2013 scritta puntualmente da Gabriella Berera del ristorante K2. Le iscrizioni si chiudono domani a mezzanotte. Se il meteo non farà brutti scherzi, sono previsti 200 concorrenti tra la corsa in bici e la skyrace, la gara a piedi (12 chilometri per un dislivello di 700 metri) che parte alle 14,30 da Foppolo (piazzale del K2), raggiunge il lago Moro e i laghi delle Trote, con arrivo da dove si era partiti. Circa 700 metri di dislivello anche per la cronoscalata, 13 chilometri dal viale alberato di Branzi fino al piazzale del K2 a Foppolo. Partenza in contemporanea con la skyrace (obbligatorio il casco). Ritiro dei pettorali tra le 11,30 e le 14, a Branzi, (stesso orario a Foppolo per chi camminerà).

CONTINUA ARTICOLO »

Carona, scoppia il caso del sindaco incompatibile

Carona Non commentato »

Carona – Quando le altre liste prendevano un voto, lui ne contava già quattro. Alle elezioni comunali di fine maggio Gianalberto Bianchi, sindaco uscente di Carona, ha stracciato la concorrenza. Eppure c’è qualcuno che sospetta che alle urne non sia filato tutto liscio, tanto da avanzare, nell’infuocato Consiglio di ieri, l’ineleggibilità del neo sindaco. Si tratta di Mauro Arioli, ex vicesindaco del paese nella scorsa legislatura – proprio quando Bianchi era primo cittadino – e a capo del gruppo «Credere in Carona», insieme al secondo eletto, cioè Giorgio Bianchi. Che Gianalberto Bianchi sia un amministratore apprezzato, in paese, non è un mistero. Lo dicono i numeri: nel 2009, quando in campo c’erano due liste, vinse col 69,4% dei voti; due settimane fa, invece, con quattro candidati in corsa, ha totalizzato il 62,3% con 164 preferenze.

CONTINUA ARTICOLO »

Carona, tre liste per 350 abitanti

Carona Non commentato »

madonna_del_rosarioCarona – Tre liste nella corsa alle elezioni per 350 abitanti. È così che si presenta il comune di Carona, in alta Valle Brembana, all’appuntamento elettorale di fine maggio. È evidente che la passione per la politica del paese non manchi, eppure la situazione nasconde alcune divergenze. Non più di quindici giorni fa, infatti, il vicesindaco Mauro Arioli ha rassegnato le dimissioni. Motivo: una frattura con il primo cittadino, Giovanni Alberto Bianchi, proprio sulla questione delle imminenti votazioni. Il risultato è che la maggioranza si è divisa e i candidati per le amministrative saranno tre: il sindaco uscente Bianchi con la lista «Uniti per Carona», Franco Musati, appoggiato dal capogruppo di minoranza Federico Paganoni con la lista «Lavoriamo per Carona », e Arioli, con una sua squadra e la lista «Credere in Carona». Un passo indietro Alla base del passo indietro di Arioli c’è il coinvolgimento, da parte di Bianchi, di Tarcisio Migliorini, sindaco di Carona dal 2004 al 2009.

CONTINUA ARTICOLO »