Clamoroso ad Algua, Sonzogni ko: sindaci ed ex contro di noi

Algua Non commentato »

Algua – «I 204 che hanno creduto in noi hanno capito chi ha lavorato sporco in questo ultimo mese, hanno saputo distinguere tra i corretti e gli scorretti». Va giù pesante, su Facebook, Enrico Sonzogni, leghista candidato sindaco perdente ad Algua per la lista «Cambiamo insieme Algua». Assessore uscente in Comune e assessore titolare in Comunità montana, la sconfitta non se l’aspettava proprio. Soprattutto dopo che la squadra concorrente, giovane e alle prime armi, aveva anche rischiato l’esclusione per un errore formale nelle autenticazioni delle firme. Così continua sul web: «Contro di noi hanno lavorato sindaci, anche non di Algua, ex sindaci, ex vicesindaci, assessore ed ex assessori, consiglieri ed ex consiglieri. Tutti contro di noi. La vecchia Dc è tornata ma la nostra battaglia è appena iniziata».

CONTINUA ARTICOLO »

Bracca, lascia il vicesindaco al suo posto arriva Zanchi

Bracca Non commentato »

Bracca – Un Consiglio comunale piuttosto movimentato, quello che si è svolto a Bracca, l’ultimo del mandato di Giovanni Marco Muttoni, che non si ricandida alle prossime elezioni. All’ordine del giorno le dimissioni di Margherita Molinari da vicesindaco e assessore al Commercio, Artigianato, Turismo e Cultura ora candidata a Bergamo nella lista di Giorgio Gori. «Le motivazioni della mia scelta – ha scritto l’ormai ex vicesindaco nella lettera al sindaco – non sono assolutamente dovute a motivi personali, anzi avrò sempre profonda stima per il sindaco e per tutto il lavoro che insieme abbiamo svolto».

CONTINUA ARTICOLO »

A San Pellegrino il bottino più alto, nelle casse 250 mila euro all’anno

San Pellegrino Terme Non commentato »

sanpellegrinoSan Pellegrino Terme – In cima c’è il Comune di San Pellegrino, che ogni anno, dal 2015, potrà avere circa 250 mila euro del canone di conessione delle proprie fonti. In fondo ci saranno Gaverina e Casazza, visto che l’azienda di imbottigliamento è quella che, tra le sette bergamasche (almeno fino al 2012), produce di meno. In mezzo tutti gli altri Comuni dove ci sono fonti o concessioni di acque minerali: Moio de’ Calvi, Clusone, Villa d’Almè, Spinone al Lago, Bianzano, Bracca e Zogno. Tutti comunque, dal prossimo anno, potranno brindare. Per una battaglia vinta, iniziata nel novembre 2011, quando si costituì un comitato apposito, con l’obiettivo proprio di ottenere dalle aziende di imbottigliamento il giusto ritorno dallo sfruttamento del proprio territorio. Era l’anno in cui i canoni si erano quasi raddoppiati, passando a 90 centesimi di euro per un metro cubo (se imbottigliato in vetro) e a 1,20 euro al metro cubo (se in pet). Canoni che, in Lombardia, venivano incassati interamente dalle Province. Che, per il 60%, secondo una direttiva regionale, avrebbe dovuto, tramite bando pubblico, ridistribuire ai Comuni. Ma non sempre questo è avvenuto. E i contributi, quando versati, erano comunque nell’ordine di poche decine di migliaia di euro per Comune.

CONTINUA ARTICOLO »

Concorso: alla scoperta del tartufo nero di Bracca

San Pellegrino Terme Non commentato »

tartufo-bracca Pellegrino Terme – E’ il titolo di un nuovo concorso indetto dall’Istituto Alberghiero di San Pellegrino Terme , che si terrà durante i giorni 24,25 e 26 marzo con la partecipazione di numerosi studenti provenienti da vari Istituti alberghieri italiani e stranieri. E’ prevista la partecipazione di 14 istituti alberghiere tra i quali tre provenienti dalla Slovacchia: Zvolen, Zilina e Kezmarok, con l’Ipssar di San Pellegrino partecipante fuori concorso. Ogni allievo di cucina di 4° classe, preparerà un piatto dove l’ingrediente principale sarà il tartufo nero di Bracca. Inoltre, è prevista anche una gara di preparazione cocktail. E’ inoltre in programma durante la manifestazione, un accordo per uno scambio di studenti tra Italia, Slovacchia, Lettonia e Romani, tramite il «Fondo Sociale Europeo», un progetto che nel corso dei prossimi anni interesserà tutti i Paesi europei.

CONTINUA ARTICOLO »