Laghi e fiumi stanno meglio, lo rivelano trote e temoli

-Il fiume Brembo Non commentato »

Sapevate che il temolo, pregiato pesce d’acqua dolce sensibilissimo all’inquinamento, in passato praticamente scomparso dai nostri fiumi, da qualche anno riesce a sopravvivere in buon numero nel Brembo e nel Serio per la gioia delle lenze nostrane? E sapevate che quel sofisticato del gambero di fiume, bandiera del valore biologico dell’ambiente in cui vive, pure lui è tornato a colonizzare le acque bergamasche? E che la squisita trota marmorata, anche lei arrivata sull’orlo dell’estinzione, da un po’ di anni guizza in discreta abbondanza nei nostri fiumi?

CONTINUA ARTICOLO »

Dopo 15 anni di attesa acceso il maxidepuratore

-Il fiume Brembo, -La Valle Brembana, Zogno Non commentato »

I primi accordi per il progetto nel 1996. Sorge sotto Stabello, vicino al Brembo. Entro il 2011 si allacceranno San Pellegrino, San Giovanni Bianco e Val Serina. Zogno – I primi accordi, con l’allora presidente della Provincia Giovanni Cappelluzzo, risalgono addirittura al 1996: si pensò di costruire un depuratore a Zogno, sotto Stabello, quindi di portare fin laggiù tutte le fognature di Zogno, San Pellegrino, San Giovanni Bianco e Camerata Cornello. Di anni, da quella prima sottoscrizione della convenzione, ne sono trascorsi ormai 15.

CONTINUA ARTICOLO »

Notte di boati, poi il Brembo spazza via la diga Enel

-Il fiume Brembo Non commentato »

Nella notte di Natale a Ponte San Pietro la piena del Brembo ha spazzato via la diga dell’Enel. Il grosso cilindro in ferro che funge da paratia, «spostando» l’acqua nel canale a fianco del fiume, è ora incagliato nel Brembo a una cinquantina di metri dal manufatto a cui era ancorato. La diga, infatti, era composta da un manufatto cilindrico in ferro, lungo una trentina di metri e pesante decine di tonnellate, che da più di 80 anni ha deviato l’acqua del Brembo nel canale artificiale dell’Enel, la roggia Masnada che nel suo percorso da Ponte San Pietro a Marne di Filago alimentava le centrali di Bonate Sotto e Marne. La diga è stata travolta dalla forza del fiume in piena, scaraventata come un fuscello. Dal vecchio ponte di via Roma ora è visibile solo la struttura in ferro a cui era ancorato il grosso cilindro, con la passerella usata dagli addetti alla manutenzione della struttura idraulica e una cinquantina di metri a valle il grosso tubo in balia delle onde del Brembo.

CONTINUA ARTICOLO »

Anatre e tartarughe rovinano l’ecosistema di Brembo e Serio

-Il fiume Brembo 5 Commenti »

Il Wwf: «Introdotte dall’uomo, vanno tolte dai fiumi». Aironi promossi. Pescatori contro: sono «ladri» di trote. Anatre germanate, oche pechinesi, tartarughe americane, e poi aironi cinerini e gabbiani. Stando all’elenco e ai nomi sembrerebbero animali di uno zoo provenienti un po’ da tutto il mondo. Invece no.

Si tratta semplicemente dell’avifauna che da qualche anno si può trovare anche nel Brembo e nel Serio. Specie, alcune, introdotte dall’uomo, altre arrivate spontaneamente.

CONTINUA ARTICOLO »