Zogno – Sì unanime dal Consiglio comunale di alla proposta della Giunta di istituire un piano di supporto all’imprenditoria industriale e artigianale. Piano che ha l’obiettivo di consolidare la presenza locale o realizzare nuovi insediamenti produttivi. La proposta della Giunta, a fine dibattito, è stata trasformata in delibera immediatamente esecutiva. Si parla, oltre che di assistenza nel disbrigo della burocrazia, di sgravi fiscali per sostenere eventuali progetti che potrebbero essere avanzati dall’imprenditoria privata: per nuovi insediamenti ma anche per ampliamenti o assunzioni da parte di aziende già presenti. La proposta è stata illustrata nella sostanza al Consiglio comunale dal sindaco Giuliano Ghisalberti (Lega Nord). «Premetto che la nostra Amministrazione è da sempre attenta al problema occupazionale, problema che è critico anche nel nostro paese seppure si stia vivendo un momento di relativa tranquillità – ha affermato Ghisalberti –. Tale attenzione si vuole concretizzare con iniziative specifiche e mirate. Si propone così una nuova strategia che nasce dal rapporto tra amministratori pubblici e imprenditoria privata della quale sono state raccolte recentemente alcune interessanti prospettive».

Ha proseguito il primo cittadino: «Si vuole impostare una strategia nuova focalizzata sullo sviluppo anziché sull’emergenza. Nel passato si è pensato al sostegno del disoccupato. Con questo piano si punta a sostenere l’azienda che crea occupazione, creando un supporto al futuro con buone prospettive sia per la manodopera già occupata sia per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro».

Niente oneri di urbanizzazione
Arrivando alla sostanza del piano: per aziende nuove, già esistenti che si ampliano o assumono, saranno previsti l’esonero dagli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, sgravi fiscali, con riduzioni o dilazioni fino al 2014 (scadenza della legislatura di Ghisalberti) fatto salvo il normale introito fiscale comunale dell’Ici per ampliamenti e ristrutturazione di insediamenti già esistenti o la realizzazione di nuovi insediamenti. Saranno escluse dal beneficio aziende che avessero licenziato nel recente passato.

Ok anche dalle minoranze
Sono intervenuti nel dibattito i capigruppo di minoranza Roberto Fustinoni (Zogno democratica) e Roberto Mazzoleni (Pdl-Udc) appoggiando la proposta della Giunta, quindi chiedendo delucidazioni sul documento in discussione. Hanno replicato il sindaco Ghisalberti e l’assessore all’Urbanistica e alle Attività produttive nonché vicesindaco Giampaolo Pesenti con spiegazioni ritenute pienamente esaustive dai rappresentanti dei gruppi di minoranza. In particolare, nella risposta, il sindaco ha fatto riferimento sulla tempistica del piano su richiesta specifica di Fustinoni e su forme di convenzione per l’erogazione degli sgravi sottolineata da Mazzoleni. «Per quanto concerne eventuali convenzioni – ha affermato il sindaco Ghisalberti – si dovranno fare verifiche su ciascuna richiesta».

Sergio Tiraboschi – L’Eco di

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana