L’amministrazione comunale di Zogno, su proposta della Giunta, ha istituito un fondo di 30 mila euro destinato a sostegno dell’occupazione. La proposta è stata approvata, in Consiglio comunale, dalla maggioranza di Lega e Pdl-Udc mentre « democratica» si è astenuta. La somma deriva dall’approvazione di una variazione al bilancio 2011.  Nell’ottica del sostegno allo sviluppo economico – ha osservato il sindaco Giuliano Ghisalberti – l’amministrazione comunale ha individuato questo strumento finanziario che va ad aggiungersi ad altri già adottati. Lo stanziamento a bilancio permetterà l’erogazione di un contributo a fondo perduto all’imprenditoria per la trasformazione a tempo indeterminato di contratti a tempo determinato o apprendistato, o per nuove assunzioni di forza lavoro locale nella misura di 1.500 euro elevabile a 2.500 euro se l’addetto è di età superiore ai 45 anni».

Critiche le minoranze, in particolare «Zogno democratica» per l’esiguità della risorsa prevista, mentre Pdl-Udc ha chiesto la possibilità di trovare altre forme di incentivo. «Si presenta una nuova iniziativa compatibile con le disponibilità di bilancio – ha replicato il sindaco precisando che è un ulteriore passo sul tema occupazionale, iniziato da tempo –. Faccio riferimento all’eliminazione degli oneri di urbanizzazione per l’attivazione di interventi a favore dell’occupazione e ancora, in collaborazione coi commercianti di “Punto amico” dell’istituzione della shopping card che ha avuto ripercussione positive sul potere d’acquisto delle famiglie».

«È pur vero – ha concluso il primo cittadino – che magari l’imprenditoria non troverà particolarmente appetibile il contributo che però si aggiunge all’eliminazione degli oneri di urbanizzazione. Ecco che il discorso si completa e diventa nel complesso ampiamente positivo».

Il Consiglio comunale si era aperto con l’approvazione del conto consuntivo, con i voti favorevoli della Lega, del gruppo Pdl-Udc e voto contrario di «Zogno democratica». Nessun rilievo sul piano contabile dalle minoranza, mentre si è eccepito in termini politici. In particolare «Zogno democratica», per voce del capogruppo Roberto Fustinoni, ha espresso dissenso su alcune criticità nelle scelte amministrative (risparmio energetico, commercio, cultura, politiche sociali e giovanili, manutenzione strade, opere pubbliche), mentre Roberto Mazzoleni di Pdl-Udc ha lamentato carenza informativa circa il gradimento dei servizi da parte della cittadinanza, sottolineando di contro l’intervento positivo per le casse comunali che ha portato al recupero di un buon 10% di introiti Ici.

Sergio Tiraboschi – L’Eco di

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana