Sciare in Valle Brembana

La ottiene dalla Regione il consenso ed il finanziamento per la costituzione di due fondamentali comprensori sciistici della bergamasca; quello della Valle Brembana e delle Valli Seriana e di Scalve. Il parere positivo espresso dalla Giunta Regionale costituisce il primo importante passo per il rilancio di tutte le Orobie. Gli importi previsti destinano all’Alta e – Valle Brembana e una quota per la Val Sassina: complessivamente 108 milioni di euro.

 In particolare 47 milioni per l’alta Valle Seriana e la , 61 milioni per la valle Brembana e la Valsassina e, per fare un confronto, 20 milioni per il comprensorio sciistico interregionale Adamello nel Comune di Ponte di Legno che però aveva già ottenuto in precedenza cospicui fi nanziamenti dalla Regione. I progetti oggetto degli accordi di programma sono stati selezionati tra tredici pervenuti nell’agosto del 2009 a seguito dell’emanazione di un bando per la valorizzazione dei comprensori sciistici regionali e saranno realizzati entro il 2013 secondo un cronoprogramma stabilito.

Soddisfatto l’assessore provinciale al Turismo ed Attività Produttive Importante passo per il rilancio di tutte le Orobie Via libera ai comprensori sciistici bergamaschi Giorgio Bonassoli che ha sottolineato che l’atto approvato dal Pirellone è un risultato di grande significato. “Il fatto che sulle diverse proposte esaminate dalla Giunta le due proposte provenienti da Bergamo abbiano entrambe ricevuto il consenso dell’esecutivo regionale conferma che quando il territorio si presenta compatto i risultati arrivano – ha dichiarato l’assessore – bisogna quindi continuare su questa strada ed organizzare in una sinergia sempre più stretta le istituzioni locali, provinciali e le rappresentanza regionali a favore del rilancio del nostro territorio. Quando siamo capaci di fare squadra i risultati arrivano e oggi ne abbiamo ulteriore la conferma”. Sull’idea dei comprensori sciistici delle Orobie si era particolarmente impegnata, negli anni precedenti, l’Amministrazione di centro destra (Pdl + Udc) guidata da Valerio Bettoni.

“Da questi progetti, – ha commentato il presidente Roberto Formigoni – ci aspettiamo una vera e propria scossa allo sviluppo della nostra industria turistica. Stiamo facendo di tutto e di più per sostenere il rilancio economico della Lombardia con particolare attenzione alle zone che storicamente hanno più difficoltà. Per la , per esempio, questo progetto, assieme all’Accordo di programma per gli interventi di riqualifi cazione di San Pellegrino Terme, già promossi dalla Regione, imprimerà una forte accelerazione allo sviluppo di tutta l’area della Valle, rendendola un grande volano del turismo montano lombardo”.

VALBREMBANA E VALSASSINA (BG E LC)
L’Ente capofi la è la di Valle Brembana, con il sostegno delle Province di Bergamo e di Lecco e dei Comuni interessati e delle società gestori e/o proprietarie degli impianti sciistici bergamaschi e lecchesi. Il progetto approvato interessa i comprensori sciistici della Valle Brembana, quali il comprensorio di Carona, e Valleve, i comprensori di Piazzatorre, Branzi, Cusio e Mezzoldo e il comprensorio interprovinciale Valtorta – Artavaggio – Piani d’Erta nei Comuni di Barzio, Cassina Valsassina, Cremeno, Moggio e Valtorta.

Gli obiettivi sono quelli di: – ammodernare, integrare e sostituire gli impianti di risalita obsoleti e/o in scadenza con la realizzazione di nuovi impianti che assicurino maggior portata oraria e un miglior confort per gli utenti ovvero che siano dedicati a specifi ci target di utenti, quali bambini, principianti, snowboarder, etc; – ampliare e integrare le piste attuali tramite la realizzazione, qualifi cazione e messa in sicurezza di nuove piste e tracciati e infrastrutture d’interconnessione; – completare e ammodernare il sistema di gestione e manutenzione delle piste con la realizzazione nuovi impianti di innevamento programmato delle piste e bacini di accumulo e l’acquisto di attrezzature e macchinari per la battitura e trattamento della neve; – realizzare infrastrutture di servizio e supporto ai comprensori sciistici, quali miglioramento dell’accessibilità, realizzazione parcheggi e centri servizi e informazione. L’investimento pubblico e privato per la realizzazione dei singoli interventi è di oltre 61 milioni di euro per la valorizzazione dei principali comprensori di Carona, Foppolo e Valleve, Piazzatorre e Valtorta – Piani di Bobbio Artavaggio – Piani d’Erna.

VALLE SERIANA E DELLA VAL DI SCALVE(BG)
L’Ente capofi la è la Comunità montana di Scalve, con il sostegno della Provincia di Bergamo dei Comuni interessati e delle società gestori e/o proprietarie degli impianti sciistici bergamaschi. Il progetto interessa le aree bianche di Colere, Spiazzi di Gromo, Lizzola e Schilpario L’Accordo di programma prevede il collegamento e l’incremento delle , il potenziamento degli impianti di risalita e il miglioramento delle infrastrutture di servizio, sia in termini di accessibilità che in termini di gestione e sicurezza del piste. L’investimento pubblico e privato per la realizzazione dei singoli interventi previsti dal progetto riguarda impianti di risalita e alpino, opere di messa in sicurezza, impianti di innevamento e parcheggi funzionali per 40 milioni di euro per le aree integrate di Colere, Spiazzi di Gromo, Lizzola e di circa 7 milioni per l’area di Schilpario.

dal mensile InterValli