Foppolo – «Mai visto, nella nostra stazione, una disastro tale provocato dal vento. Fortunatamente si è verificato di notte, a impianto fermo, ma per noi i danni sono ingenti». Beppe Berera, sindaco di Foppolo e presidente della Brembosuperski, la società di gestione delle di Foppolo, e San Simone, non ricorda nella storia della dell’alta Valle una situazione simile a quella verificatasi tra venerdì notte e sabato mattina. «Nella zona della seggiovia del (che collega la Valcarisole con Foppolo, ndr) ci sono state raffiche di vento di 200 chilometri all’ora, rare sulle Orobie – dice Berera –, che hanno gravemente danneggiato l’impianto di risalita. La stazione di arrivo è stata parzialmente scoperchiata, le funi sono scese dalle carrucole, quadri elettrici e anemometro (per la misurazione del vento, ndr) sono andati in tilt, una trentina i seggiolini distrutti, le reti di protezione della pista (fissate a terra con blocchi di cemento armato, ndr) sono state divelte e i vetri della sala macchine si sono rotti».

«La mattina di sabato non era ancora chiaro cosa fosse successo e l’entità del disastro – continua Berera –. Ci siamo resi conto dopo, e solo ora iniziamo a fare la conta dei danni, comunque per noi molto gravi. Sabato la seggiovia, ovviamente, è rimasta ferma. Abbiamo dovuto far arrivare dalla Germania i tecnici della Siemens che gestiscono l’impianto elettrico per la riparazione. Si è lavorato incessantemente, anche di notte, per il ripristino e domenica mattina (ieri, ndr), siamo riusciti a far ripartire l’impianto, con tutte le condizioni di sicurezza. Naturalmente senza i seggiolini ancora da sostituire e con altri danni comunque da riparare».

Sabato il collegamento tra Carona e Foppolo è stato garantito da due gatti delle nevi. Ma disagi e lamentele degli non sono mancati, peraltro nella giornata di maggiore affluenza da inizio stagione. «Per il rientro con il battipista – scrive al giornale uno sciatore – bisognava attendere fino a un’ora. Sarebbe stato corretto avvisare in biglietteria che il Valgussera era chiuso». «Abbiamo cercato di gestire un’emergenza che non aveva precedenti – replica Andrea Bosco, responsabile marketing della Brembosuperski – peraltro capitata anche in altre stazioni dell’arco alpino, e i disagi sono stati pesanti anche per noi. Nelle due biglietterie di Carona e Foppolo si avvisavano gli che il Valgussera era chiuso. Sulle code, purtroppo, sappiamo che i gatti delle nevi non possono portare più di 40 persone alla volta. Tutto quanto nelle nostre possibilità è stato fatto. E domenica la seggiovia era già ripartita».

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di

Alberghi, Hotel, Appartamenti, ResidenceManifestazioni ed eventi a Foppolo
Fotografie immagini di FoppoloScialpinismo
Alberghi sciare in Valle BrembanaEscursioni itinerari a Foppolo

www.foppolo.orgalberghi.foppolo.orgnews.foppolo.orgwebcam.foppolo.orgforum.foppolo.orgwww.foppolo.bizfotografie.foppolo.bizappartamenti.foppolo.bizimpianti.foppolo.biz