Nel territorio della , la flessione è netta: nel 2009 registrato un meno13%. la città prescelta per trovare casa: aumenta il numero di compravendite, mentre in provincia si registra un picco negativo. I dati sul mercato immobiliare sono stati presentati dalla Fimaa Ascom di , e si basa sull’analisi dei mediatori immobiliari aderenti alla sigla. In generale quindi, il mercato orobico è in flessione.

E questa tendenza proseguirà per tutto il 2010. Dalla della Fimaa Ascom – secondi i dati forniti dall’Agenzia del territorio – risulta quindi che in bergamasca le compravendite hanno registrato un calo dell’11,3%. «In provincia la flessione è stata netta, il dato è meno 13% per un totale di 12.466 compravendite – spiegano dall’associazione di categoria – mentre in città si è registrata una crescita del 4,8% che ha fatto salire a 1.564 gli immobili venduti».

Calano i prezzi degli immobili. I dati, che sono stati allineati con quelli dell’Osservatorio Nomisma 1/2010, «risultano tutti in flessione, soprattutto per l’usato – proseguono dall’Ascom – per gli immobili nuovi il prezzo medio richiesto al metro quadrato è stato di 2.435 (-2%) , per gli immobili usati 1.661 euro (-2,4%)».

Secondo i dati forniti dalla Banca d’Italia, risulta invece «stabile il flusso di nuovi mutui erogati nel 2009 per l’acquisto di abitazioni: 953,9 milioni di euro con una crescita rispetto al 2008, anno in cui si registrò la caduta delle erogazioni, dello 0,6%». Guardando i singoli settori del mercato, risulta invece che nel residenziale c’è una continua flessione dei prezzi: «In città del 2,3%, in periferia del 3,2%, e in provincia del 2,4%. Fanno eccezione solo gli immobili delle aree prestigiose di Città Alta e del centralissimo di pregio che fanno un mercato a sé con quotazioni in leggero rialzo, e alcuni edifici di qualità che riescono a tenere prezzi stabili». Il calo più significativo è per gli immobili più vecchi e da ristrutturare. «La richiesta a scopo abitativo – proseguono dall’Ascom – alimentata soprattutto da chi è in cerca di prima casa, è in diminuzione: le famiglie che desiderano cambiare abitazione sono molto selettive e preferiscono attendere l’occasione migliore». Per quanto riguarda i tempi di attesa
per la vendita, in media so