variante-zognoValle Serina – «Assolutamente favorevoli alla variante in galleria di ma, purtroppo il progetto, così come disegnato, penalizzerà la Valle . Non è infatti previsto uno svincolo che unisca direttamente la variante al ponte di Ambria. Per prendere la strada che porta a , Oltre il Colle e Selvino, bisognerà risalire per circa 400 metri fino alla rotonda prevista poco prima del paramassi di Ruspino e quindi ridiscendere l’attuale provinciale». Il circolo del Pd della interviene sul progetto della variante in galleria di Zogno, presentato ufficialmente venerdì scorso dalla Provincia, chiedendo che si trovi una soluzione per l’ingresso sul ponte di Ambria.

Il progetto, infatti, prevede l’inizio della variante (lunga quattro chilometri e 700 metri con due gallerie) in località Inzogno e arrivo, con rondò, alla Madonna del Lavello, 400 metri a monte del ponte di Ambria che porta in Valle Serina. «L’uscita così a monte di Ambria – spiegano il segretario del circolo Pd della Valle Serina Andrea Tiraboschi e Paolo Maurizio, consigliere di minoranza a – è dovuto alla necessità di mantenere una pendenza regolare della strada». Tra la variante di Zogno e il ponte di Ambria ci sarà un dislivello di circa 40 metri. «Secondo noi da qui si potrà comunque creare uno svincolo – continua Tiraboschi – per la Valle Serina. I lavori per la variante dureranno tra i sei e gli otto anni e quindi c’è tutto il tempo per predisporre una variante in corso d’opera per realizzare lo svincolo. Tra l’altro, già nel 2007, e Provincia sottoscrissero un protocollo d’intesa per cercare di trovare una soluzione all’innesto della Valle Serina».

L’Eco di

Alberghi Appartamenti SerinaFotografie Serina