Val Taleggio – Dalla prossima primavera la Valle avrà la seconda «Baita & breakfast», la struttura ricettiva nata dalla ristrutturazione di un vecchio edificio rurale, dove il cliente gestisce autonomamente il soggiorno ricevendo solo la colazione (a base di latte genuino). Il primo esempio è aperto ormai da più di un anno a Sottochiesa di Taleggio. Partiranno, quindi, a settembre i lavori per la prossima «Baita & breakfast» che sorgerà a Reggetto di (vicino alla cooperativa Sant’Antonio).

Ad annunciarlo è stato il sindaco di Vedeseta , nel corso dell’inaugurazione della Porta ecomuseale di , ricavata nell’ex scuola elementare. La baita Magrera, grazie a fondi stanziati da Fondazione Cariplo e Regione, sarà trasformata in «Baita & breakfast» con due mini appartamenti, due saune, una cantinetta e un’installazione museale che illustrerà l’«arte» della caseificazione. «Gli interventi sulla baita Magrera – ha detto ancora il sindaco Arrigoni – hanno subìto un ritardo, per cui la struttura sarà rifatta ex novo. Per gennaio, se ci saranno piöde a sufficienza per il tetto, potremo vedere la nuova baita conclusa». L’apertura della struttura turistica, quindi, è prevista in primavera.

In attesa della seconda «Baita & breakfast», domenica scorsa, in occasione dell’affollata sagra del Taleggio, è stata inaugurata la Porta ecomuseale di Peghera: ospita la sede della Pro loco, una sala polivalente e una videoinstallazione museale che illustra l’«arte» della stagionatura dei formaggi. Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Taleggio e presidente della Comunità montana , il sindaco di Vedeseta Silvestro Arrigoni, Carlo Vimercati della Fondazione Cariplo, il presidente dell’Ecomuseo Alvaro Ravasio, l’assessore provinciale alle Grandi infrastrutture Silvana Lanzani, l’onorevole Giacomo Stucchi e il consigliere regionale Giosuè Frosio.
«Quando siamo partiti con questo progetto – ha detto il sindaco di Taleggio ringraziando coloro che hanno contribuito alla nascita dell’Ecomuseo – non sapevamo dove saremmo arrivati e quello di oggi rappresenta un altro tassello importante per la coesione della valle».

Dopo la benedizione impartita dal parroco don Tino Vavassori, seguita dal taglio del nastro, autorità, residenti e villeggianti hanno potuto visitare la Porta ecomuseale e assistere alla videoinstallazione per apprendere e conoscere l’«arte» della stagionatura del Taleggio, curata dal teatro sostenibile Koiné e dall’Ecomuseo Valtaleggio con la cooperativa Coclea. Un’installazione che, tramite un video teatralizzato e l’assaggio reale del Taleggio conduce, in modo originale, alla scoperta della «scalera», la struttura in legno utilizzata per la stagionatura dei formaggi.

L’Eco di Bergamo

http://www.valbrembanaweb.it/valbrembanaweb/gallery/taleggio/2009/baita-breakfast/baita-breakfast.html

Alberghi, Ristoranti e Appartamenti a TaleggioFotografie, immagini di Taleggio
Escursioni a TaleggioManifestazioni ed eventiCartoline antiche di TaleggioScialpinismo