Lenna – Anche in campo per cercare di trovare una soluzione al nodo di Pontesecco-Valtesse, tra Ponteranica e , uno dei punti più critici della viabilità di ingresso e uscita in . Nell’ultimo Consiglio comunale è stata infatti approvata all’unanimità una mozione in tal senso presentata dal gruppo di maggioranza guidato dal sindaco Stefano Ambrosioni.

«Il traffico, in particolare nelle ore critiche, è aumentato e il problema si ripercuote sulla qualità della vita dei cittadini – dice il sindaco – ma ha anche conseguenze sugli aspetti economico-sociali della valle, dall’industria al turismo alla scolarizzazione». Un problema, continua il sindaco, che «ci colpisce e penalizza direttamente». Da qui il sostegno al sindaco di Ponteranica Cristiano Aldegani affinché si trovi una soluzione efficace «nella direzione del rispetto ambientale e dell’urbanistica dei paesi coinvolti». Infine l’invito a «un progetto avveduto che tenga conto di progressi futuri, come gli spazi di una linea Teb, tanto paventata e sospirata dalla valle». La mozione è stata approvata all’unanimità.

Sempre durante la seduta è stata data comunicazione delle dimissioni del consigliere Marino Donati dal gruppo di minoranza «Valorizziamo Lenna 2009-2014» (e non del gruppo di maggioranza come pubblicato erroneamente nell’edizione di ieri). Tra gli altri punti all’ordine del giorno l’approvazione della convenzione del patto dei sindaci della valle per un progetto di energia sostenibile che sarà presentato all’Unione europea. Quindi sono stati espressi «solidarietà e sostegno per la posizione assunta dal governo italiano contro la decisione della Corte di Giustizia europea che vieta i crocifissi nelle scuole».

«Esistono nel Crocifisso i principi di solidarietà umana, accoglienza, integrazione, rispetto, valorizzazione della persona, libertà, libertà morale, pace, altruismo e tolleranza – ha detto il sindaco –. Richiamando i valori universali di cui sopra, il Crocifisso svolge altresì un’alta funzione educativa e identificativa a prescindere dal credo delle ». Il Consiglio ha poi approvato il piano di recupero dell’ex segheria Paganoni, in via Codussi. Sarà demolita per fare spazio a una villetta privata. Quindi è stato approvato il documento, all’esame in questi giorni in tutti i Consigli comunali della valle, di richiesta di apertura del consultorio familiare in Valle Brembana; infine il sindaco Ambrosioni ha relazionato sullo sviluppo del settore sociale a Lenna e in . In particolare il sindaco ha ricordato come «i casi problematici (famiglie, anziani e giovani in difficoltà, ndr) selezionati a Lenna sono già parecchi e per ognuno è iniziato un lavoro di sostegno adeguato e personalizzato, con l’impiego di notevoli risorse economiche».

L’Eco di Bergamo