Consorzio Tutela Taleggio Lo studio Bergamo prima produttrice in regione: giro d’affari da 40 milioni. Ma il 36% degli italiani non sa cosa sia. Un giro d’affari alla produzione nel 2007 che è pari a quasi 40 milioni di euro, con un fatturato al dettaglio che si aggira intorno agli 88 milioni e una produzione che si è attestata sugli 88.142 quintali (+0,55 per cento rispetto al 2006). Sono alcuni dei dati presentati ieri mattina dal Consorzio Tutela , che raggruppa i produttori del formaggio tipico lombardo. Oltre il 50% della produzione di viene dalla : è di circa 45.000 quintali infatti la
quantità proveniente dal territorio orobico. A seguire c’è la provincia di Cremona, con 21.000 quintali, e quella di Pavia, con 11.000 quintali.

Il volume totale delle esportazioni sul totale complessivo della produzione è pari a circa il 10 per cento. Da una ricerca qualitativa che era stata commissionata dal Consorzio di tutela, emerge che il prodotto non è conosciuto dal 36 per cento degli italiani che acquistano formaggio, con percentuali che sono molto più elevate nelle regioni del Sud, mentre oltre la metà del target è composta da adulti dai 45-50 anni in su. Tutte statistiche, queste ultime, che confermano come il taleggio sia un prodotto molto fortemente radicato nel territorio di produzione e sempre legato a valori tradizionali. E resta fiero di non sopportare confezioni di plastica e della fama di “formaggio che puzza”.

DNEWS

Alberghi, Ristoranti e Appartamenti a TaleggioFotografie, immagini di Taleggio
Escursioni a TaleggioManifestazioni ed eventiCartoline antiche di TaleggioScialpinismo