Il presidente dell’Ecomuseo al debutto della baita-beauty. Essere «sentinelle» e custodi della montagna, ma allo stesso tempo guardare alla pianura e alla città per «capire le esigenze del turista, confrontarsi con lui e tra di noi su quanto occorre fare per lo sviluppo». Così il presidente dell’associazione Ecomuseo della Valle Alvaro Ravasio si è rivolto sabato scorso a quanti erano presenti all’inaugurazione della «Baita & Breakfast», a Taleggio, lungo la mulattiera che porta a Salzana.

La vecchia stalla, restaurata in circa due anni e di proprietà del Comune di Taleggio, rappresenta il primo esempio di vecchia stalla trasformata in centro benessere: da ottobre, periodo in cui entrerà in funzione, disporrà di sauna, bagno turco, area relax e si potranno fare bagni di fieno e cereali. Naturalmente ci saranno camera, bagno e cucina per il breakfast. In più disporrà di spazio per laboratori didattici e degustazioni.

Tante le autorità presenti al taglio del nastro: tra queste i sindaci di Taleggio e Marianna Pezzoli, il consigliere regionale Giosuè Frosio, il presidente del , amministratori vallari, quindi rappresentanti di Regione, Provincia e Camera di Commercio. Tra gli interventi anche quello di Hugues De Varine, lo studioso francese inventore del concetto di Ecomuseo. «Dopo tre anni di idee e progetti – ha detto – oggi inauguriamo qualcosa di concreto. Ora, però, occorre pensare al futuro e recuperare e aprire ai turisti tutte le altre baite». Durante il pomeriggio, quindi, nella «Baita & Breakfast» si è svolta anche una degustazione teatralizzata di formaggio Strachitunt a cura del gruppo Koinè di Modena.

L’Eco di

Alberghi, hotel, ristoranti e appartamenti a Taleggio
Fotografie, immagini di Taleggio
Escursioni sui sentieri di Taleggio
La Valle Taleggio – Prealpi Orobiche
Cartoline, immagini antiche di Taleggio
Itinerari, percorsi di Scialpinismo a Taleggio
Manifestazioni, eventi a Taleggio