Foppolo: bene il debutto in pista, ma boom a Capodanno

Foppolo Non commentato »

Sciare-Foppolo-Natale25Foppolo – Natale con i tuoi, Capodanno nelle valli. Le prime aperture di impianti sciistici nelle alte valli hanno inaugurato ufficialmente la stagione sciistica, ma nonostante i positivi riscontri (specie dei più incalliti che da settimane erano al cancelletto di partenza in attesa delle prime discese) del debutto, i flussi maggiori a livello turistico arriveranno solo per smaltire il pranzo natalizio in famiglia e preparare quello (al più fra amici) nelle località di villeggiatura. Nel comprensorio Brembo Ski è toccato a Foppolo, dove sono state aperti Montebello e Valgussera, con possibilità di sciare sulle piste Pitarocca A e B e Cappelletta. Aperto anche il campo Scuola Sci 90 Foppolo in località Foppelle.

CONTINUA ARTICOLO »

Orobie Ski: Si torna in pista, il circo bianco apre in anticipo

-La Valle Brembana Non commentato »

prezziOrobie Ski – Neve quanto basta, freddo pungente e, almeno in questi giorni, sole splendente. Gli ingredienti per un avvio di stagione sciistica coi fiocchi ci sono tutti. Forse come non accadeva da alcuni anni. Da sabato si torna a sciare anche sulle Orobie, in otto stazioni: c’è chi aprirà pochi impianti, chi quasi tutto il comprensorio. Chi, come Foppolo e Piani di Bobbio- Valtorta, resterà aperto poi tutti i giorni, mentre gli altri chiuderanno lunedì per riaprire con il fine settimana dell’Immacolata. Nel comprensorio di Brembo Ski (Foppolo, Carona, San Simone-Valleve), impianti in funzione da sabato. «Sul terreno si contano 60 centimetri di neve fresca alle quote più alte, mentre a 1.650 metri (quota di partenza) circa 30 centimetri. Inoltre, grazie all’abbassamento delle temperature, sono stati azionati i cannoni , in modo da offrire il maggior numero di piste aperte».

CONTINUA ARTICOLO »

Bremboski indebitata sarà venduta, Sos alle banche

Foppolo 1 Commento »

Foppolo – Società dei Comuni, per risollevarla servono 13 milioni. Sul mercato andranno aree, edifici e seggiovie cedute. Il sindaco Berera: ricavi in crescita, restiamo ottimisti. Comuni di Foppolo, Carona e Valleve che gestisce gli impianti di risalita è indebitata, per almeno tre milioni di euro. Per sanare il buco di bilancio e concludere il piano di investimenti iniziato alcuni anni fa (mancano cabinovia e altro innevamento artificiale), busserà di nuovo alle banche chiedendo 13 milioni di euro. E, probabilmente già entro l’anno, la società sarà messa in vendita. Costituitasi nel 2006, Brembo Super Ski ha investito negli ultimi anni oltre venti milioni di euro per potenziare il demanio sciabile, con seggiovie e miglioramento dei tracciati. Un’operazione che ha consentito al comprensorio sciistico di restare a galla, seppure con difficoltà, ma che ha aperto anche grandi buchi nei bilanci. Due milioni dalla Regione Un aiuto è arrivato in parte dalla Regione Lombardia che, nell’ambito dell’accordo di programma sottoscritto nel 2010, ha recentemente erogato a Brembo Super Ski circa due milioni di euro dei 4,4 previsti (il 20% delle opere realizzate). L’altra metà arriverà solo quando saranno completati gli ultimi investimenti, quindi cabinovia e innevamento artificiale. Per i quali, però, servono alla Brembo Super Ski, una decina di milioni di euro: per questo si bussa di nuovo alle banche.

CONTINUA ARTICOLO »

Foppolo: Valanga sulla pista, tanta paura ma nessun danno

Foppolo Non commentato »

valanga-foppoloFoppolo – Mancano pochi minuti alle 16, un forte rumore attira l’attenzione di sciatori e gestori degli impianti di risalita: una valanga di medie dimensioni si distaccata dal monte Valgussera e si riversa sulla pista che collega Carona con Foppolo. La macchina dei soccorsi si mette subito in moto: la speranza è quella che la valanga non abbia coinvolto nessuno, mentre si alza in volo l’elicottero del 118. Subito si rincorrono alcune voci: chi parla di un ferito lieve, poi di più feriti sempre lievi. Alle 17,15, dopo una perlustrazione puntigliosa da parte dei tecnici della Bremboski e dei volontari del Soccorso alpino, si può tirare un respiro di sollievo: la valanga non ha coinvolto nessuno, pochi anche i danni, nonostante la quantità della massa di neve. «È la montagna con le sue bellezze e i suoi rischi – dice Andrea Bosco, responsabile comunicazione Bremboski –.

CONTINUA ARTICOLO »